Thailandia, monaci positivi a test antidroga: chiuso tempio buddista

Mondo
©Ansa

Il capo della polizia locale, Boonlert Thintapthai non ha spiegato per quale motivo siano stati fatti dei controlli proprio in quel luogo di culto

ascolta articolo

Un tempio buddista provincia settentrionale del Phetchabun in Thailandia è stato chiuso dopo che i monaci sono risultati positivi a un test antidroga. I quattro religiosi che vivevano nel monastero, compreso l’abate, sono risultati positivi alla metanfetamina e per questo sono stati rimossi dal tempio e mandati in una clinica di recupero dalla polizia locale.

I fedeli non possono fare le cerimonie

leggi anche

Bollette luce troppo care: monaci buddisti lasciano templi al buio

Il capo della polizia locale Boonlert Thintapthai non ha spiegato per quale motivo i test siano stati fatti proprio in quel tempio, ma ha avvertito che ora il luogo di culto è stato chiuso, pertanto gli abitanti della zona non possono fare le cerimonie e recarsi al tempio cercando di guadagnarsi una buona sorte. In genere si porta da mangiare ai monaci. Thintapthai ha però garantito che gli ufficiali di polizia si stanno già coordinando, assieme al capo monastico locale del distretto di Bung Sam Phan, per ripristinare la presenza dei monaci nel tempio.

Thailandia crocevia del traffico di metanfetamine

leggi anche

Tecnico informatico aostano 35enne trovato morto in Thailandia

Thintapthai ha assicurato che saranno inviati altri monaci “sostituti” per consentire agli abitanti del villaggio di poter praticare il loro credo. Sulla “vicenda droga” si è espresso anche l’Ufficio delle Nazioni Unite contro la Droga e il Crimine, affermando come la Thailandia sia un importante crocevia per il traffico di metanfetamina che passa dallo Stato birmano di Shan fino al Laos. Non solo: nel Paese le pillole vengono vendute a prezzi irrisori (meno di 20 baht, circa 50 centesimi di euro).

Mondo: I più letti