Beluga intrappolato nella Senna liberato dopo operazione di salvataggio

Mondo

Da venerdì il movimento del cetaceo verso l'entroterra è stato bloccato da una chiusa a Saint-Pierre-La-Garenne, 70 chilometri a nord-ovest di Parigi, e le sue condizioni di salute sono peggiorate dopo che il cetaceo si è rifiutato di mangiare

ascolta articolo

L'esemplare di beluga rimasto intrappolato nella Senna è stato prelevato dalle acque del fiume. Lo riferisce la Afp, spiegando che sono servite circa 6 ore per sollevare l'animale, che pesa 800 chilogrammi, mediante una rete agganciata a una gru. Il cetaceo è stato collocato su una chiatta per consentire a una squadra composta da una dozzina di veterinari di prestargli le prime cure. La specie protetta che di solito si trova nelle fredde acque artiche, sarà ora messo in un camion refrigerato e trasportato verso la costa. La balena di quattro metri è stata avvistata più di una settimana fa in direzione di Parigi e si è arenata a circa 130 chilometri nell'entroterra della Manica, a Saint-Pierre-La-Garenne, in Normandia. Da venerdì, il movimento dell'animale verso l'entroterra è stato bloccato da una chiusa a Saint-Pierre-La-Garenne, 70 chilometri a nord-ovest di Parigi, e le sue condizioni di salute sono peggiorate dopo che il cetaceo si è rifiutato di mangiare. 

In buone condizioni di salute

approfondimento

Parco eolico marino, studio impatto su delfini a Taranto

Le condizioni della beluga sono comunque state giudicate "soddisfacenti" dal team di veterinari che lo ha soccorso. In una chiusa del porto di Ouistreham, nel Canale della Manica, e' stato preparato un bacino di acqua di mare per l'animale, che vi trascorrerà tre giorni sotto osservazione in vista del rilascio. - L'operazione "eccezionale" di ritorno in mare non è tuttavia priva di rischi per la balena, che e' indebolita e stressata, ha detto Isabelle Brasseur, che fa parte di un team di Marineland inviato per assistere al salvataggio, insieme alla Ong Sea Shepherd France. "Potrebbe morire ora, durante la manipolazione, durante il viaggio o al punto B", a Ouistreham, ha aggiunto. I 24 sommozzatori coinvolti nell'operazione e i soccorritori che si occupavano delle corde hanno dovuto tentare più volte, tra le 22:00 e le 4:00 del mattino, di attirare l'animale nelle reti per sollevarlo dall'acqua. Un gruppo di curiosi  rimasto tutta la notte sulla riva per osservare l'operazione. 



Mondo: I più letti