Guerra Ucraina, Zelensky: “Il Donbass sarà nostro, ricostruiremo ogni città”

Mondo
©Ansa

Il presidente ucraino in un videomessaggio: “Se gli occupanti pensano che Lyman o Severodonetsk saranno loro, si sbagliano. Non c'è e non ci sarà una vera alternativa alle nostre bandiere ucraine. Stiamo proteggendo il nostro Paese nel modo in cui le nostre attuali risorse difensive ci permettono. Stiamo facendo di tutto per accrescerle”

ascolta articolo

Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sulle notizie dal mondo

 

"Se gli occupanti pensano che Lyman o Severodonetsk saranno loro, si sbagliano. Il Donbass sarà ucraino. Perché siamo noi, è la nostra essenza". Nel suo ultimo videomessaggio il presidente ucraino Volodymyr Zelensky torna a parlare della situazione nella regione sud-orientale del Paese, dove l’avanzata russa si fa sempre più intensa e i separatisti filo-russi hanno preso il centro di Lyman, mentre gli ucraini sono arroccati nei quartieri a nord e a sud (GUERRA IN UCRAINA: LO SPECIALE - GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA - IL RACCONTO DEGLI INVIATI). 

“Non ci sarà un’alternativa alle nostre bandiere ucraine"

leggi anche

Consiglio Europeo straordinario e guerra in Ucraina: i temi in agenda

"Dobbiamo aumentare le nostre difese, aumentare la resistenza, così che il Donbass torni a essere Ucraina - dice Zelensky - E anche se la Russia porta distruzione e sofferenza ovunque, ricostruiremo comunque ogni città. Non c'è e non ci sarà una vera alternativa alle nostre bandiere ucraine". Il presidente ucraino riconosce che la situazione nel Donbass è "molto difficile" e spiega che "gli occupanti stanno cercando di raggiungere in almeno 100 giorni di guerra gli obiettivi che speravano di raggiungere nei primi giorni dopo il 24 febbraio". "Quindi - aggiunge Zelensky - hanno concentrato il massimo dell'artiglieria e delle riserve nel Donbass. Ci sono attacchi missilistici e aerei, tutto. Stiamo proteggendo il nostro Paese nel modo in cui le nostre attuali risorse difensive ci permettono. Stiamo facendo di tutto per accrescerle. E le incrementeremo".

“Vogliono ridurre in cenere il Donbass”

approfondimento

Il paradosso italiano: export in Russia dimezzato, import raddoppiato

Le forze russe vogliono "ridurre in cenere" il Donbass, ha detto ieri Zelensky, descrivendo la crescente difficile posizione di Kiev nell'est del Paese. "L'attuale offensiva degli occupanti nel Donbass può rendere la regione disabitata - ha aggiunto - Vogliono ridurre in cenere Popasna, Bakhmut, Lyman, Lysychansk e Severodonetsk. Come Volnovakha, come Mariupol", ha proseguito. Poi il presidente ucraino ha puntato il dito contro l'Ue, accusandola di non agire con decisione sulle sanzioni: un sesto pacchetto di misure è attualmente bloccato, in particolare dall'Ungheria, alleata della Russia, e ogni giorno l'Ue invia a Mosca quasi un miliardo di euro per pagare il petrolio e il gas, denaro che secondo Zelensky alimenta direttamente la guerra.

Mondo: I più letti