Divisi dal muro, la vita al confine Usa-Messico

Mondo

Federico Leoni

Negli Stati Uniti un quarto dei migranti illegali vive in California. Proprio in California, nella contea di San Diego, si trova il Friendship Park, luogo iconico in cui la barriera di confine si tuffa nel Pacifico

ascolta articolo

Il così detto Titolo 42 è la norma che prevede il blocco all'ingresso dei migranti per motivi di sicurezza sanitaria. Nel pieno della pandemia è stato utilizzato dall'amministrazione Trump per costringere i richiedenti asilo ad attendere in Messico senza passare il confine. Biden ha deciso che il blocco sarà rimosso dal 23 maggio: una scelta caldeggiata dai progressisti, ma osteggiata dall'ala moderata dei democratici, che teme ripercussioni sulle elezioni di midterm. Il Titolo 42 ha fatto diminuire il numero di coloro che hanno tentato di entrare clandestinamente negli Stati Uniti, ma ha fatto aumentare notevolmente i tentativi di ingresso: poiché, infatti, la norma anti-covid non prevede l'incriminazione penale in caso di violazione, molti clandestini hanno provato a violare il confine più volte, sicuri di non rischiare la recidiva. (AMERICA CONTRO: GLI APPROFONDIMENTI - I PODCAST)

Il Friendship Park

approfondimento

"America Contro", Sky TG24 racconta polarizzazione della società Usa

Negli Stati Uniti un quarto dei migranti illegali vive in California. Proprio in California, nella contea di San Diego, si trova il Friendship Park, luogo iconico in cui la barriera di confine si tuffa nel Pacifico. E' qui che, per molto tempo, i messicani residenti da una parte e dall'altra del confine hanno potuto incontrarsi e abbracciarsi. Il parco, però, è stato chiuso alcuni anni, nonostante le proteste e l'attivismo di un gruppo di volontari impegnato per la riapertura. 

Esveydi è una ragazza messicana entrata negli Stati Uniti a tre anni. Non vede la mamma da diciotto anni, ha deciso di incontrarla al Friendship Park nonostante le restrizioni. Noi l'abbiamo seguita. 

Mondo: I più letti