Guerra, Zelensky su Azovstal: l'Ucraina “ha bisogno di eroi vivi”

Mondo
Facebook

Il presidente ucraino conferma l’inizio dell’evacuazione dei militari che per 82 giorni hanno difeso l'acciaieria a Mariupol. “Speriamo di poter salvare i nostri ragazzi”, dice. Kiev continua "la massima attività diplomatica in altre aree, nell'interesse del Paese", aggiunge. E ancora: “Severodonetsk e altre città del Donbass rimangono i principali obiettivi degli occupanti”. Riguardo all’embargo sul petrolio russo: “È nell'interesse non solo del nostro Paese, ma dell'intera Europa”

ascolta articolo

L'Ucraina “ha bisogno di eroi vivi”. In un nuovo video-messaggio diffuso nella notte, il presidente Volodymyr Zelensky conferma l’inizio dell’evacuazione dei militari che per 82 giorni hanno difeso l'acciaieria Azovstal a Mariupol. “Speriamo di poter salvare i nostri ragazzi”, dice (GUERRA IN UCRAINA: LO SPECIALE - GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA).

Zelensky: “L’attività diplomatica continua in altre aree”

approfondimento

Guerra in Ucraina: i reportage e le dirette di Sky TG24. VIDEO

Zelensky ha spiegato che all’operazione di evacuazione partecipano l'esercito ucraino e l'Intelligence, in collaborazione con la Croce rossa e l'Onu. “Il nostro esercito ha avviato un'operazione per salvare i difensori di Mariupol. Speriamo di poter salvare la vita dei nostri ragazzi. Tra loro ci sono feriti gravi”, ha detto il presidente ucraino, sottolinenando che la giornata di ieri “è stata difficile, ma come tutte le altre mira a salvare il nostro Paese e la nostra gente”. Zelensky ha poi spiegato che, dopo le trattative che hanno portato all'inizio dell'evacuazione dei militari ucraini da Azovstal, Kiev continua "la massima attività diplomatica in altre aree, nell'interesse del Paese". "Il lavoro continua. Questo lavoro richiede delicatezza e tempo", ha sottolineato.

Embargo sul petrolio russo “è nell'interesse dell'intera Europa”

vedi anche

Gas, Ue studia piano per pagare forniture russe senza violare sanzioni

Secondo il leader, “le forze armate ucraine stanno fronteggiando i continui attacchi nelle aree in cui la Russia sta ancora cercando di avanzare”. “Severodonetsk e altre città del Donbass rimangono i principali obiettivi degli occupanti. Stiamo facendo di tutto per proteggere la nostra terra e la nostra gente", ha detto Zelensky. Poi ha parlato dell’embargo sul petrolio russo, di cui si discute: è nell'interesse non solo dell'Ucraina, ma dell'intera Europa, ha detto. “Stiamo lavorando per garantire che l'Unione europea concordi un sesto pacchetto di sanzioni contro la Russia. L'embargo petrolifero deve farne parte ed è nell'interesse non solo del nostro Paese, ma dell'intera Europa. Sono grato a quei leader del Continente che ne sono consapevoli e aiutano a promuovere la relativa decisione", ha dichiarato Zelensky. Secondo quanto riferito da fonti Ue, la Commissione europea ha presentato una proposta agli Stati membri per introdurre un sesto pacchetto di sanzioni contro la Russia come aggressore. Il pacchetto, che prevedeva l'eliminazione graduale delle forniture petrolifere russe all'Ue, è stato bloccato a causa della posizione dell'Ungheria, secondo cui è impossibile interrompere le forniture petrolifere russe.

Mondo: I più letti