Guerra Ucraina, Zelensky e Guterres: “A Mariupol è l’inferno”

Mondo
©Ansa

Il presidente ucraino denuncia la situazione nell’acciaieria Azovstal della città martire: “I civili devono ancora essere evacuati. Le donne e tanti bambini sono ancora lì”. Anche l’Onu parla di condizioni infernali. Un suo convoglio dovrebbe arrivare oggi alla fabbrica per portare via altre persone. I militari ucraini nello stabilimento denunciano nuovi bombardamenti

ascolta articolo

“Immaginate l'inferno: più di due mesi di continui bombardamenti e morte costante nelle vicinanze. Non è chiaro quanti civili rimangano intrappolati nell'impianto". Il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky ha descritto così la situazione nel grande impianto siderurgico Azovstal di Mariupol. Le forze russe continuano a bombardare l'acciaieria anche se "i civili devono ancora essere evacuati. Le donne e tanti bambini sono ancora lì”, ha affermato (GUERRA IN UCRAINA: LO SPECIALE - GLI ULTIMI AGGIORNAMENTI). Anche il segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, ha definito la zona di guerra di Mariupol un "inferno". L'Onu e il Comitato internazionale della Croce Rossa hanno finora aiutato quasi 500 civili a fuggire dall'area dell'acciaieria di Azovstal nella città portuale in due operazioni la scorsa settimana. Una terza operazione dell'Onu per l'evacuazione di civili da Mariupol è iniziata nelle ultime ore.

Oggi nuova evacuazione da Mariupol

vedi anche

Acciaieria Azovstal di Mariupol, perché ha un ruolo così importante

Per la giornata del 6 maggio “ci sarà un'evacuazione da Mariupol”, ha annunciato la vicepremier ucraina Iryna Vereshchuk, citata dall'Ukrainska Pravda, dando appuntamento ai cittadini interessati "nei pressi del centro commerciale 'Port City' alle 12" locali (le 11 in Italia). Il capo degli affari umanitari dell'Onu Martin Griffiths ha spiegato alla riunione del Consiglio di Sicurezza Onu sull'Ucraina che la terza operazione iniziata dalle Nazioni Unite ha "l'intento di evacuare altri civili da Mariupol e Azovstal". "Non dirò altro su questo fino a quando l'operazione non sarà completata - ha detto parlando in videoconferenza - Ma quello che posso dire è che stiamo finalmente vedendo i frutti del nostro lavoro in queste ultime settimane. Stiamo spingendo da tempo per ottenere un accordo su cessate il fuoco e tregue a livello locale. Sono lieto e molto sollevato che finalmente stiamo facendo alcuni progressi. Le tregue da cui sono dipese queste ultime operazioni hanno in gran parte tenuto". 

Zelensky: da inizio guerra oltre 2.000 missili su Ucraina

leggi anche

Ucraina, consigliere Zelensky: "Non c’è più spazio per i negoziati"

Intanto Zelensky ha detto che dall'inizio dell'invasione le truppe russe hanno lanciato oltre 2.000 missili sull'Ucraina e i loro caccia hanno effettuato quasi 2.700 sortite nel Paese. Parlando in collegamento video all'evento di beneficenza 'Brave Ukraine’, il presidente ha aggiunto: "Ognuna di queste sortite è la morte del nostro popolo, la distruzione delle nostre infrastrutture”.

Mondo: I più letti