Guerra Russia-Ucraina, il comandante di Azov: “La resa non è contemplata”

Mondo
Ansa/Corriere

Michail Pirog guida il quarto Battaglione dei volontari della formazione nazionalista Azov, vicino a Mariupol. In un’intervista al Corriere della Sera dice: “Resa? Non ne abbiamo mai neppure parlato. I russi possono tranquillamente fare a meno dei loro ultimatum. Gli eroi combattenti di Mariupol si batteranno sino all’ultimo uomo”. Sulle accuse di nazismo: “Siamo patrioti che combattono per la libertà e la democrazia. La propaganda russa falsifica la realtà e ci accusa”

ascolta articolo

La resa “non è un’opzione contemplata”, gli ucraini non si arrenderanno ai russi per avere salva la vita. A spiegarlo è Michail Pirog, 55 anni, comandante che guida il quarto Battaglione dei volontari della formazione nazionalista Azov - circa mille uomini nel distretto di Zaporizhzhia, la città del Centro-Sud più vicina a Mariupol. Lo fa in un‘intervista rilasciata a Lorenzo Cremonesi del Corriere della Sera. Il comandante rimanda al mittente anche le accuse ad Azov di essere una formazione neonazista (GUERRA IN UCRAINA: LO SPECIALE - TUTTI GLI AGGIORNAMENTI LIVE).

“Resa? Non ne abbiamo mai neppure parlato”

vedi anche

Mariupol, battaglione Azov: "Acciaieria quasi completamente distrutta"

“Resa? Non ne abbiamo mai neppure parlato. I russi possono tranquillamente fare a meno dei loro ultimatum. Gli eroi combattenti di Mariupol si batteranno sino all’ultimo uomo, non cercano il martirio ma sono pronti a morire. Ma i rinforzi arriveranno prima”, ha detto Pirog al Corriere della Sera. Ha confermato però che la proporzione è di “circa mille soldati ucraini accerchiati contro 10.000 russi”. Ma “i posti di resistenza sono parecchi e rendono complicata l’avanzata russa”, ha aggiunto.

“La propaganda russa falsifica la realtà e ci accusa di nazismo”

vedi anche

Donbass, le immagini del cratere causato da un missile. VIDEO

Nell’intervista, il comandante Pirog parla anche delle accuse ad Azov di essere una formazione neonazista. “Noi siamo patrioti che combattono per la libertà e la democrazia. La propaganda russa falsifica la realtà e ci accusa di nazismo, mentre sono proprio i soldati russi a uccidere civili, a rubare e violentare. Sono loro i nuovi hitleriani. Noi ci battiamo anche per difendere le democrazie europee contro il fascismo espansionista di Putin”. “Per noi l’anima cosacca è oggi sinonimo di libertà contro la dittatura oppressiva di Putin. Altro che razzisti! Con noi ci sono ebrei, azeri, tartari di Crimea, armeni, cattolici, musulmani”, ha aggiunto. E sulla svastica presente sulle loro uniformi e bandiere: “È un antico simbolo slavo, pan-europeo, persino indiano. Per noi non ha alcun rapporto col nazismo. La realtà è che ci stiamo difendendo da un’aggressione violenta e fanatica. Abbiamo bisogno di tutto il vostro aiuto”.

Mondo: I più letti