Ucraina, l'allarme di Kiev: "Rubate da Chernobyl 133 sostanze radioattive letali"

Mondo

Secondo l'Agenzia statale ucraina "non si sa dove siano ora". Il materiale è stato prelevato in un'area di stoccaggio della base di ricerca dell'Ecocentre, per un mese occupata delle truppe russe

ascolta articolo

L'Ucraina ha accusato le forze russe che hanno occupato l'ex centrale nucleare di Chernobyl di aver rubato sostanze radioattive dai laboratori di ricerca che potrebbero potenzialmente ucciderli. L'Agenzia statale per la gestione della zona di esclusione ha dichiarato su Facebook che le truppe di Mosca sono entrate in un'area di stoccaggio della base di ricerca dell'Ecocentre e hanno rubato 133 sostanze altamente radioattive. "Anche una piccola parte di questa attività può essere mortale se gestita in modo non professionale", ha avvertito l'agenzia, aggiungendo che "l'ubicazione delle sostanze rubate è attualmente sconosciuta". (LO SPECIALE - GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA).

I percoli per i russi dopo l'occupazione della centrare 

approfondimento

Guerra Ucraina, "a Chernobyl Russi toccavano scorie nucleari con mani"

La centrale nucleare in territorio ucraino era stata occupata dai soldati russi nel primo giorno dell'invasione, il 24 febbraio scorso. Vi sono rimasti per oltre un mese, fino al ritiro avvenuto il 31 marzo scorso. Il nuovo allarme arriva a poche ore dalle parole di Petro Kotin, capo dell'operatore nucleare statale ucraino Energoatom, dopo un sopralluogo a Chernobyl in una delle aree occupate, la zona della cosiddetta Foresta Rossa, e poi abbandonate dai russi intorno alla centrale nucleare teatro dell'incidente del 1986. I soldati che hanno scavato trincee a Chernobyl "devono aspettarsi malattie provocate dalle radiazioni in vari gradi di gravità". 

Mondo: I più letti