Le mamme ucraine scrivono nomi e contatti dei familiari sui corpi dei bambini

Mondo
Instagram

Sasha Makoviy ha pubblicato su Instagram una foto della figlia con sulla schiena alcune informazioni, come il nome e dei numeri di telefono: ha spiegato di averlo fatto perché, in caso lei non sopravvivesse alla guerra russa, qualcuno sappia l'identità della piccola e a chi affidarla. “Le madri ucraine stanno scrivendo i contatti dei familiari sui corpi dei loro bambini in caso vengano uccise e il figlio sopravviva. E l'Europa sta ancora discutendo del gas", scrive su Twitter la giornalista Anastasiia Lapatina

ascolta articolo

Una mamma ucraina, Sasha Makoviy, ha scritto il nome e altre informazioni sulla schiena della figlia. “Nel caso mi succedesse qualcosa”, ha spiegato in un post su Instagram. A ripostare il messaggio della donna è stata anche Anastasiia Lapatina, giornalista del Kyiv Independent. “Le madri ucraine stanno scrivendo i contatti dei familiari sui corpi dei loro bambini in caso vengano uccise e il figlio sopravviva. E l'Europa sta ancora discutendo del gas", ha scritto su Twitter (LO SPECIALE SULLA GUERRA - GLI AGGIORNAMENTI LIVE).

La bambina con i contatti sulla schiena

vedi anche

È possibile processare la Russia per crimini di guerra? Cosa sappiamo

Nella foto postata su Instagram tre giorni fa da Sasha Makoviy, si vede la figlia con il pannolino e sulla schiena nuda alcune informazioni, come il nome (Vera) e dei numeri di telefono. La donna ha spiegato di averlo fatto perché, in caso lei non sopravvivesse alla guerra russa, qualcuno sappia l'identità della piccola e a chi affidarla. Sasha Makoviy ha raccontato di aver avuto l’idea "il primo giorno di guerra", "nel caso ci fosse successo qualcosa e qualcuno l'avrebbe accolta come sopravvissuta". Ha pubblicato anche una seconda foto, di un foglietto con le stesse informazioni che ha scritto sulla schiena di sua figlia. "Ancora non riesco a convincermi a buttare questo foglio spiegazzato della seconda foto dalla tasca della mia tuta. Anche se ora siamo dove è sicuro", ha confidato.

Mondo: I più letti