Covid, l’Oms: “Rischio globale legato alla variante Omicron rimane molto alto”

Mondo
©IPA/Fotogramma

"Prove affidabili mostrano che Omicron ha un vantaggio di crescita rispetto alla variante Delta, con una capacità di raddoppiare in due o tre giorni", dice l'Organizzazione mondiale della sanità nel suo bollettino epidemiologico settimanale. Tuttavia, sottolinea che sono necessari ancora altri dati per confermare la minore gravità in termini di ricoveri e decessi

Il rischio rappresentato nel mondo dalla variante Omicron del Covid-19 rimane "molto alto". Lo ha detto l'Organizzazione mondiale della sanità nel suo bollettino epidemiologico settimanale. E se la maggiore capacità di trasmissione rispetto a Delta sembra ormai supportata da “prove affidabili”, l’Oms ribadisce che sono necessari ancora altri dati per confermare la minore gravità in termini di ospedalizzazioni e decessi (COVID: AGGIORNAMENTI LIVE - SPECIALE).

Oms: “Rischio globale legato a Omicron rimane molto alto”

vedi anche

Covid, variante Omicron nel mondo: le restrizioni nei vari Paesi

“Il rischio globale legato alla nuova preoccupante variante rimane molto alto", ha avvertito l'Oms. "Prove affidabili mostrano che Omicron ha un vantaggio di crescita rispetto alla variante Delta, con una capacità di raddoppiare in due o tre giorni", ha aggiunto l'organizzazione, constatando che "si osserva un rapido aumento dell'incidenza dei casi in un certo numero di Paesi". "La crescita rapida è probabilmente legata a una combinazione tra la perdita di immunità e l'aumento intrinseco della trasmissibilità della variante Omicron", ha spiegato l'Oms. Ha comunque evidenziato la diminuzione del 29% dell'incidenza dei casi in Sudafrica, il Paese che per primo ha segnalato questa variante il 24 novembre.

Servono più dati per comprendere la gravità in termini di ricoveri e decessi

approfondimento

Coronavirus in Europa e nel mondo. Le infografiche

L'Oms aveva spiegato che i dati provenienti da Regno Unito, Sudafrica e Danimarca - che attualmente hanno i più alti tassi di infezione - suggerivano un ridotto rischio di ricovero per Omicron rispetto alla variante Delta. Tuttavia sarebbero necessari più dati per comprendere la gravità rappresentata da Omicron in termini di marcatori clinici, tra cui l'uso di ossigeno, la ventilazione meccanica e i decessi. E anche su come questa gravità potrebbe essere influenzata da una precedente infezione da Covid-19 o da una vaccinazione. Secondo l'Oms, nella settimana terminata domenica il numero complessivo di nuovi casi è aumentato dell'11% rispetto alla precedente, mentre il numero di decessi è diminuito del 4%. “Ciò corrisponde a poco meno di 5 milioni di nuovi casi e oltre 44mila nuovi decessi". Il maggior numero di casi è stato registrato in Stati Uniti, Regno Unito, Francia e Italia.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24