Israele annuncia nuovi insediamenti nelle alture del Golan

Mondo
©Getty

Il progetto, annunciato lo scorso ottobre, è sostenuto da tutti i partiti del governo israeliano. Il piano ha l'obiettivo di arrivare a 100 mila abitanti nell'intera zona

Il governo israeliano di Naftali Bennett punta unito sul Golan, area contesa con la Siria, conquistata nel 1967 e annessa unilateralmente quarant'anni fa: nel corso di un consiglio dei ministri straordinario, tenuto nel kibbutz di Mevo Hama, è stato approvato un piano da un miliardo di shekel (circa 280 milioni di euro) con l'obiettivo di sviluppare l'area nel nord del Paese e raddoppiarne la popolazione, fino a 100 mila abitanti. Il progetto, annunciato lo scorso ottobre, è sostenuto da tutte le forze politiche dell'eterogeneo governo, composto da otto partiti, da destra a sinistra passando per il centro, compreso il partito arabo-israeliano Raam.

Il supporto degli Usa

approfondimento

Israele chiude a Omicron, unica via il vaccino: il reportage

Nel 2019 l'allora presidente Usa Donald Trump ha riconosciuto la sovranità israeliana sul Golan, primo e unico a farlo. Poco dopo l'insediamento del suo successore Joe Biden, il segretario di Stato Usa, Antony Blinken, ha lasciato intendere che l'attuale amministrazione americana non intende revocare la decisione, specialmente mentre è in corso il conflitto in Siria. I due vicini, che tecnicamente sono ancora in guerra, sono separati da un confine di fatto che passa per le Alture. 

Gi investimenti

Circa la metà dei fondi approvati dall'esecutivo (576 milioni di shekel) sarà destinata alla pianificazione e all'edilizia abitativa: verranno costruite 3.300 case a Katzrin (la cosiddetta "capitale" del Golan, il principale centro ebraico), 4.065 nell'area del Consiglio regionale locale e altre 4 mila nelle due nuove comunità, attualmente conosciute come Asif e Matar. Altri 160 milioni di shekel aggiuntivi saranno impiegati per "il miglioramento della qualità della vita nel Golan", compresi il potenziamento dei trasporti, servizi medici e istruzione, ma anche la promozione di nuovi alberghi. Un'iniezione di attività che produrrà a cascata circa 2 mila posti di lavoro, nelle previsioni. Dagli attuali 52 mila abitanti, compresi quelli di Katzrin e le comunità druse, Israele punta a un aumento del 50% entro il 2025 e al raddoppio entro la fine del decennio.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24