Minneapolis, uccise afroamericano Daunte Wright: ex agente Potter giudicata colpevole

Mondo
©Getty

Il ventenne perse la vita il 21 aprile del 2021: durante un controllo di polizia la donna gli sparò nel petto estraendo la pistola anziché quello che lei credeva essere il taser. La giuria l’ha ritenuta colpevole per entrambi i capi di accusa, omicidio di primo e secondo grado, per i quali rischia rispettivamente fino a 10 e 15 anni di carcere

L’ex agente di polizia Kim Potter è stata giudicata colpevole dell'omicidio del ventenne afroamericano Daunte Wright, ucciso il 21 aprile del 2021 a Minneapolis. Dopo 27 ore di camera di consiglio, la giuria ha stabilito la colpevolezza dell'ex agente di polizia, che ora rischia decenni di carcere. Presente in aula, Potter è rimasta impassibile nell'ascoltare il verdetto, poi è stata ammanettata e portata via. Un comportamento molto diverso dalle lacrime straziate della sua ultima testimonianza davanti alla corte, quando l'ex agente scoppiò in un pianto senza sosta per quello che ha più volte definito un tragico errore, ovvero aver confuso la pistola di ordinanza con il taser. 

La sentenza

vedi anche

Daunte Wright, funerale dell'afroamericano ucciso a Minneapolis

Potter è stata giudicata dalla giuria (ma solo 12 giurati hanno deciso di esprimere un verdetto) colpevole per entrambi i capi di accusa, omicidio di primo e secondo grado, per i quali rischia rispettivamente fino a 10 e 15 anni di carcere. La condanna per l'ex agente, 49 anni, è attesa per le prossime settimane. Dopo aver ascoltato ben 33 testimoni in tre settimane di dibattimento processuale, è passata quindi la tesi dell'accusa che ha puntato sulla grave negligenza dell'ex agente nonostante il suo addestramento con le armi da fuoco. "Il sistema giudiziario ha offerto una qualche forma di giustizia per una morte senza senso", afferma il legale della famiglia di Daunte Wright. 

La morte di Daunte Wright

vedi anche

Minneapolis, proteste e arresti dopo l’omicidio di Daunte Wright. FOTO

Il ventenne americano Daunte Wright era stato ucciso il 21 aprile del 2021 a Minneapolis: gli agenti lo avevano fermato al volante perché aveva la targa scaduta e perché aveva nella sua auto, nonostante fosse illegale, un Arbre Magique attaccato allo specchietto retrovisore. Dopo essersi avvicinati alla vettura ed aver scoperto che su Wright pendeva un mandato di arresto per possesso di arma senza licenza, gli agenti cercarono di arrestarlo. Wright si oppose e cercò di sottrarsi a uno dei poliziotti che tentava di ammanettarlo. Così Potter tirò fuori quello che pensava fosse il taser, gridando "Taser, taser" prima di aprire il fuoco. Quello che aveva in mano però non era il taser ma la pistola di ordinanza: il colpo partito dall'arma colpì Wright nel petto uccidendolo. Una volta realizzato l'errore Potter - emerge dai video - aveva gridato e si era buttata a terra. "Andrò in prigione. Ho ucciso un ragazzo", disse. "Tutti possono commettere errori. Nessuno è perfetto. Questa donna ha commesso un errore e un errore non è un crimine", hanno ripetuto i legali di Potter in aula. Ma la tesi non è passata e l'ex agente trascorrerà il Natale in carcere in attesa della sentenza definitiva del giudice.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24