Qatar 2022: "I gay sono benvenuti ma evitino manifestazioni pubbliche di affetto”

Mondo

"I gay sono benvenuti in Qatar ma devono evitare effusioni in pubblico. E' l'unica indicazione da rispettare” ha affermato Nasser Al Khater, direttore esecutivo del Comitato Organizzatore del torneo, intervistato da Cnn Sport. “Agli omosessuali chiediamo di rispettare la cultura locale”

"I gay sono benvenuti in Qatar ma devono evitare effusioni in pubblico. E' l'unica indicazione da rispettare". Alle prese con le polemiche per i diritti umani, il comitato organizzatore dei Mondiali Qatar 2022, attraverso il suo direttore esecutivo Nasser al Khater, risponde al calciatore australiano Josh Cavallo che il mese scorso fece coming out aggiungendo che avrebbe "paura ad andare a giocare" il primo Mondiale in un paese arabo, dove l'omosessualità è potenzialmente punibile con la morte.

Le accuse di omofobia

approfondimento

Josh Cavallo, chi è il primo calciatore ad aver fatto coming out

Nei giorni scorsi, l'associazione britannica Kick It Out aveva accusato BeIn Sport, l'emittente tv qatariota, di alimentare l'omofobia per aver invitato i calciatori musulmani della Premier League a boicottare l'iniziativa dei lacci arcobaleno in quanto l'omosessualità  è "incompatibile" con l'Islam. 

"Gay sono benvenuti" ma con rispetto della cultura locale

Al Khater, a tal proposito, ha parlato della situazione dei diritti in vista del prossimo Mondiale, aggiungendo che "gli omosessuali possono venire in Qatar come qualsiasi altro tifoso - e possono comportarsi come qualsiasi altra persona. Quel che dico, semplicemente, è che dal punto di vista della percezione dell'affettività in pubblico, la nostra è una società conservatrice". Secondo la sharia, l'omosessualità à punibile anche con la morte, ma le associazioni che si occupano di diritti umani sottolineano che non ci sono prove di condanne capitali eseguite per questo motivo. I matrimoni gay, le unioni civili e la propaganda sono in ogni caso vietate.

Approccio rigoroso

Al Khater ha però riconosciuto come il Qatar abbia un approccio più rigoroso nei confronti dell'omosessualità rispetto a "molti Paesi, dove c'è più indulgenza verso le manifestazioni pubbliche di affetto o addirittura ci sono i matrimoni gay". "Il Qatar è molto più conservatore ed è questo che chiediamo ai tifosi rispettare, rispettiamo le culture diverse e ci aspettiamo che le altre culture rispettino la nostra”.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24