Afghanistan, i talebani hanno decapitato una giovane pallavolista a Kabul

Mondo
Twitter

La denuncia di una sua allenatrice, rimasta anonima per ragioni di sicurezza: Mahjubin Hakimi, giocatrice della squadra comunale della capitale afghana e della nazionale giovanile del Paese, sarebbe stata uccisa a inizio ottobre ma la notizia non è stata diffusa dai familiari per paura di rappresaglie

Mahjubin Hakimi, una giocatrice della nazionale giovanile di pallavolo dell'Afghanistan, sarebbe stata decapitata dai talebani a Kabul. A denunciarlo al Persian Independent, secondo i media indiani, è stata una sua allenatrice, rimasta anonima per ragioni di sicurezza. La ragazza sarebbe stata assassinata a inizio ottobre, ma la notizia non è stata diffusa dai familiari per paura di rappresaglie. Il giornalista Rai Nico Piro fa però sapere, su Twitter: "Da quello che mi risulta, no, la notizia non è vera". E aggiunge: la ragazza "si sarebbe suicidata, giorni prima della caduta di Kabul".

La pallavolista uccisa giocava a Kabul e nella nazionale giovanile

vedi anche

Afghanistan, una studentessa a Sky TG24: "Per noi nessun futuro"

Secondo l'allenatrice, solo i familiari erano a conoscenza di come la giovane fosse morta. La pallavolista, prima dell'arrivo al potere dei talebani, giocava per la squadra comunale della capitale afghana e per la nazionale giovanile del Paese. Delle giocatrici della nazionale giovanile, ha spiegato l'allenatrice, solo due sono riuscite a scappare all'estero, mentre tutte le altre "sono state costrette a fuggire e nascondersi" e i tentativi di trovare "aiuto da organizzazioni e Paesi internazionali non hanno avuto successo". Nelle scorse settimane, una trentina di atlete della nazionale di volley dell'Afghanistan avevano già raccontato di temere violenze e rappresaglie da parte dei talebani per la loro attività sportiva, chiedendo alla comunità internazionale di aiutarle a lasciare il Paese. Alcune loro compagne che invece erano riuscite a fuggire avevano denunciato l'uccisione ad agosto di un'altra giocatrice della squadra a colpi di pistola.

I dubbi sulla notizia

Secondo quanto riportato dal giornalista Nico Piro su Twitter, però, "la ragazza non è stata nè uccisa nè tantomeno decapitata dai talebani. La povera ragazza si sarebbe suicidata, giorni prima della caduta di Kabul. Ora la tragedia non cambia". E ricorda: "Come sempre in Afghanistan e a maggior ragione oggi che abbiamo perso tanti coraggiosi giornalisti locali, fonti sul campo, ci vorrà tempo per capire cosa è accaduto e perchè si sia diffusa questa notizia proprio ora".

Volley Italia, 1 minuto di silenzio per la pallavolista morta

Intanto, è stato deciso che, un minuto di silenzio in memoria di Mahjabin Hakimi sarà osservato su tutti i campi della pallavolo italiana nel fine settimana. Lo ha disposto il presidente della Fipav, Giuseppe Manfredi, sentiti il presidente del Coni, Giovanni Malagò, e la sottosegretaria allo sport, Valentina Vezzali.  Il lutto sarà osservato da tutta la pallavolo italiana, dalla massima serie ai campionati regionali e territoriali. 

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24