Afghanistan, l'ultimo militare Usa ha lasciato il Paese. LA FOTO

Mondo
Ansa/Getty

Con l'evacuazione del generale Chris Donahue e dell'ambasciatore a Kabul Ross Wilson si conclude la guerra più lunga della storia americana. Sono circa 122mila le persone evacuate dagli americani da quando è iniziato il ponte aereo il 14 agosto

È stato il generale Chris Donahue, comandante della 82esima divisione aviotrasportata, l’ultimo militare americano a lasciare l’Afghanistan. Insieme a lui l'ambasciatore Usa a Kabul, Ross Wilson. All'alba del il 31 agosto, gli Stati Uniti hanno completato il ritiro dal Paese, concludendo così, dopo 20 anni, la guerra più lunga della storia americana (LE TAPPE). Sono circa 122mila le persone evacuate dagli americani da quando è iniziato il ponte aereo dall'Afghanistan il 14 agosto. Fra loro vi sono circa 5.400 cittadini statunitensi, ha detto il generale William Taylor al briefing del Pentagono. I talebani hanno proclamato la "piena indipendenza" dell'Afghanistan dopo la partenza dell'aeroporto di Kabul delle ultime truppe Usa (GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTALO SPECIALE).

Biden: “A Kabul la più grande evacuazione aerea della storia degli Usa”

leggi anche

La guerra in Afghanistan è finita: partite da Kabul le truppe Usa

Il presidente Joe Biden ha annunciato un intervento per questa sera a commento della fine dell'impegno americano in Afghanistan. Biden ha ricordato che gli Stati Uniti hanno fatto evacuare 120 mila persone, tra cittadini americani, alleati e afghani: "Gli ultimi 17 giorni hanno visto le nostre truppe eseguire la più grande evacuazione aerea nella storia Usa”, ha sottolineato. Spiegherò al popolo americano - ha promesso Biden - perché non ho prolungato la nostra presenza oltre il 31 agosto". Biden ha ribadito di attendersi dai talebani che lascino partire quelli che lo vogliono, ora che gli integralisti hanno il controllo completo di Kabul. "La comunità internazionale si aspetta che i talebani mantengano le promesse - ha concluso - Si sono impegnati a garantire un passaggio sicuro e il mondo rispetterà gli impegni".

Spari in aria dei talebani per festeggiare: “Sconfitta Usa una lezione”

approfondimento

"La caduta di Kabul", speciale di Sky TG24 sull'Afghanistan

Spari per tutta la città di Kabul sono stati uditi per festeggiare la partenza degli ultimi voli Usa dall'Afghanistan, hanno riportato la Associated Press e la France Presse. I colpi venivano in particolare dai principali checkpoint dei talebani, mentre urla di giubilo si sono innalzate da postazioni nella ex green zone. Il più importante portavoce dei talebani, Zabihullah Mujahid, si è congratulato con gli afghani per la loro vittoria. "Congratulazioni all'Afghanistan - ha detto dalla pista dell'aeroporto di Kabul - questa vittoria appartiene a tutti noi. Vogliamo avere buoni rapporti con gli Stati Uniti e il mondo. Accogliamo con favore - ha concluso - buone relazioni diplomatiche con tutti". Poi ha ammonito: la sconfitta degli Stati Uniti è stata una "grande lezione per gli altri invasori e per la nostra generazione futura. E anche una lezione per il mondo", ha aggiunto.

Mondo: I più letti