Hong Kong, si scioglie il Fronte per i diritti umani

Mondo

Nato nel 2002, il movimento è stato tra i gruppi che hanno organizzato le manifestazioni nell'estate del 2019 contro la legge di estradizione in Cina. "La società civile affronta sfide di difficoltà senza precedenti", ha affermato il movimento in una nota.

Il Fronte per i diritti umani e civili, la coalizione che ha promosso le proteste di massa a favore della democrazia a Hong Kong nel 2019, ha annunciato il suo scioglimento, motivandolo con la crescente repressione contro la protesta nel territorio semi-autonomo cinese. "La società civile affronta sfide di difficoltà senza precedenti", ha affermato il movimento in una nota. 

Il messaggio del Fronte

leggi anche

Anniversario Tienanmen, arrestata a Hong Kong Chow Hang Tung

"Il gruppo inizialmente sperava di continuare ad affrontare le sfide, ma, poiché il coordinatore Figo Chan è in carcere e senza alcun membro nella posizione di segretario, abbiamo deciso a malincuore di scioglierci", ha spiegato in una dichiarazione a Hong Kong Free Press. "Per più di un anno, il governo ha continuamente utilizzato la pandemia come motivo per respingere le richieste di protesta e ogni membro del gruppo è oppresso", ha denunciato il gruppo di attività.

Dalla fondazione alle manifestazioni del 2019

Il Civil Human Rights Front è stato costituito nel 2002. È stato tra i gruppi che hanno organizzato le manifestazioni nell'estate del 2019 contro la legge di estradizione in Cina che, secondo loro, era un attacco contro l'indipendenza giudiziaria del territorio.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24