Scarcerato a Seul Lee Jae-Yong, il leader del gruppo Samsung

Mondo
©Ansa

Libertà vigilata al capo della multinazionale, 202ma persona più ricca del mondo secondo Forbes, con un patrimonio netto di 11,4 miliardi di dollari. Stava scontando una pena detentiva di due anni e mezzo per corruzione, appropriazione indebita e altri reati in relazione alla scandalo che ha fatto cadere la ex presidentessa sudcoreana Park Geun-hye

Libertà vigilata per il leader del gruppo Samsung: Lee Jae-yong ha lasciato il carcere di Seul, capitale della Corea del Sud. Lee Jae-yong, 202ma persona più ricca del mondo secondo Forbes, con un patrimonio netto di 11,4 miliardi di dollari, stava scontando una pena detentiva di due anni e mezzo per corruzione, appropriazione indebita e altri reati in relazione allo scandalo che ha fatto cadere la ex presidentessa sudcoreana Park Geun-hye.

L'inchino all'uscita dal carcere

leggi anche

Corea del Sud, l'erede dell'impero Samsung arrestato per corruzione

L'uomo al vertice della multinazionale sudcoreana si è inchinato davanti ai giornalisti che lo attendevano fuori dall'istituto di pena e ha dichiarato di "aver causato troppa preoccupazione alla gente", aggiungendo di essere sinceramente dispiaciuto per quanto accaduto. Poi si è allontanato a bordo di una limousine nera.

Il beneficio ai leader aziendali

La concessione della libertà vigilata al leader di Samung segue la prassi in vigore in Corea del Sud di concedere tale beneficio ai leader aziendali in carcere per corruzione, evasione fiscale o per motivi economici. Le richieste per il rilascio anticipato da parte di politici e dirigenti d'azienda sono cresciute negli ultimi mesi per quello che hanno affermato essere un possibile vuoto di leadership nel più grande conglomerato industriale del Paese.

Lo scandalo azioni e l'ascesa al vertice di Samsung

leggi anche

Samsung, il vice presidente Lee Jae-yong incriminato per corruzione

Lee, 53 anni, era stato incriminato per la prima volta nel 2017 e condannato a 5 anni, ma l'anno successivo era stato liberato in seguito a una sentenza di appello, che ha respinto la maggior parte delle condanne per corruzione e gli aveva concesso la sospensione della pena. La Corte Suprema ha successivamente ordinato a Lee di affrontare un nuovo processo, che lo ha condannato e incarcerato di nuovo. Lee rimane ancora sotto processo per uno scandalo legato alla compravendita di azioni che avrebbe facilitato il suo percorso per prendere il controllo del gruppo Samsung.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24