Vertice Nato, Biden: “Dirò a Putin che ci sono linee rosse da non superare”

Mondo
©Ansa

Il presidente Usa, in conferenza stampa dopo il summit di Bruxelles, spiega che “gli Stati Uniti non cercano il conflitto con Mosca” e definisce il suo omologo russo - che incontrerà il 16 giugno - "brillante e duro, un degno avversario". Poi accusa Cina e Russia di “seminare zizzania”. Sul bilaterale con Erdogan: “Fiducioso nei progressi con la Turchia”. E lancia un appello agli americani: “Vaccinatevi”

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, quando incontrerà il suo omologo russo Vladimir Putin il 16 giugno, gli dirà che ci sono delle “linee rosse” che non si possono superare. Il numero uno della Casa Bianca lo ha annunciato nella conferenza stampa dopo il vertice Nato a Bruxelles, spiegando che gli Usa non cercano il conflitto con Mosca, ma risponderanno se continuerà le sue attività ostili. Poi ha aggiunto che metterà in chiaro con Putin che "possiamo collaborare se sceglie di farlo”. Inoltre, ha detto ancora Biden, la morte di Alexey Navalny sarebbe una tragedia, e mostrerebbe che la Russia non vuole seguire le norme internazionali.

“Putin brillante e duro, un degno avversario”

leggi anche

Biden in Europa: "Reagiremo ad azioni ostili della Russia"

"Sarò chiaro con Putin sul fatto che ci sono aree in cui possiamo collaborare se sceglie di farlo", ha ribadito Biden, definendo Putin "brillante e duro" e "un degno avversario" e sottolineando che "se non sceglie di collaborare e decide di agire come in passato allora risponderemo".

“Russia e Cina cercano di seminare zizzania nella Nato”

Russia e Cina, ha proseguito poi Biden, cercano di seminare zizzania nella solidarietà transatlantica. I valori democratici sono sotto una crescente pressione, con i cyberattacchi, e i due Paesi stanno tentando di "incrinarli”.

“Difenderemo l’integrità territoriale dell’Ucraina da Mosca”

leggi anche

Vertice Nato a Bruxelles: "La Cina coopera militarmente con la Russia"

Biden ha anche promesso di difendere "l'integrità territoriale" dell'Ucraina, minacciata da Mosca, e ha spiegato che l’adesione del Paese alla Nato dipende dal "rispetto dei criteri per l'ingresso" e Kiev deve fare ancora strada per raggiungere questo obiettivo.

“Fiducioso nei progressi con la Turchia”

leggi anche

Biden riconosce genocidio armeni. Turchia convoca ambasciatore Usa

Biden ha anche commentato il bilaterale avuto con il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan, dicendosi fiducioso che ci saranno presto progressi nei rapporti con Ankara. Anche il presidente turco ha riferito che il suo incontro con Biden è stato produttivo e sincero e ha detto che lavorerà con il presidente Usa per aumentare la cooperazione in futuro, auspicando che sia ripristinato il meccanismo di dialogo comune.

“Americani vaccinatevi il prima possibile”

approfondimento

Covid, vaccinazione eterologa: cosa dicono gli esperti

Il presidente Usa si è anche rivolto agli americani, rinnovando il suo appello a vaccinarsi, dopo aver ricordato che gli Stati Uniti hanno ancora 370 morti al giorno negli ultimi 7 giorni ("un livello più basso ma ancora una tragedia") e contano quasi 600mila vittime in totale. “Abbiamo compiuto enormi progressi" nella lotta contro il Covid, ha detto Biden, il "Paese sta tornando alla normalità. Ma ci sono ancora molte vite perse e questa ma è ancora una tragedia. Se non siete stati vaccinati, vaccinatevi prima possibile. C'è lavoro da fare per battere il virus, vaccinatevi il prima possibile".

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24