Gli Usa pagano il riscatto agli hacker russi: 5 mln per oleodotto bloccato

Mondo
epa09185947 An image made with a drone shows fuel tanks at a Colonial Pipeline breakout station in Woodbine, Maryland, USA, 08 May 2021. A cyberattack forced the shutdown of 5,500 miles of Colonial Pipeline's sprawling interstate system, which carries gasoline and jet fuel from Texas to New York.  EPA/JIM LO SCALZO

Dall’oleodotto arriva il 45% della benzina e del gasolio che vengono consumati in queste zone. Sono circa 2mila i distributori di benzina che hanno sospeso il servizio a causa dell’esaurimento delle scorte

La società che opera la Colonial pipeline, il più grande oleodotto Usa, ha pagato un riscatto di quasi 5 milioni di dollari agli hacker di origine russa autori del cyber attacco che ha costretto la compagnia a chiudere l'infrastruttura. Lo riporta la Bloomberg sul suo sito. Una notizia che contrasta con quelle dei giorni scorsi secondo cui la società non aveva alcuna intenzione di pagare per ripristinare l'operatività della pipeline. 

Una chiusura che ha fatto schizzare i prezzi

approfondimento

Cyberattacco ad oleodotto Usa. Biden: no prove di responsabilità Mosca

 

La chiusura dell'oleodotto ha causato un aumento del prezzo del petrolio fino a 2,96 dollari per gallone.

L'oleodotto più grande degli USA può trasportare fino a 2,5 milioni di barili nelle città del sud-est, con i suoi 8.550 chilometri di tubature che trasportano benzina, gasolio e carburante per aerei dal Golfo del Messico fino al Porto di New York , rifornisce circa la metà della costa orientale del paese. La chiusura dell'oleodotto aveva causato un aumento del prezzo del petrolio negli Stati Uniti di più del 4 per cento domenica, e di più dell'1,5 per cento lunedì, arrivando fino a 2,96 dollari per gallone (0,64 euro al litro), il prezzo più alto dal 2014.

 

DarkSide, il gruppo di cybercriminali che ha colpito il gasdotto di Colonial Pipeline, si era scusato, qualche giorno fa, per le conseguenze sociali causate dall’attacco sostenendo che il suo obiettivo era guadagnare, e non causare problemi. L’Fbi ha poco dopo confermato l’identità del gruppo responsabile dell’attacco ransomware che ha paralizzato i sistemi informatici della società che gestisce il gasdotto.

 

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.