Texas, revocate le restrizioni anti Covid: riapertura totale delle attività

Mondo

Lo Stato degli Usa riapre al 100% provocando il disappunto delle autorità sanitarie statunitensi. La città di Austin invece opta per il mantenimento dell'obbligo della mascherina. 

Il Texas riapre al 100%. Dal 10 marzo non c'è più l'obbligo di mascherina e tutte le attività possono riaprire a piena capacità. Unica eccezione è la città di Austin che, sfidando il governatore repubblicano Gregg Abbott, mantiene l'obbligo della mascherina (COVID: TUTTI GLI AGGIORNAMENTI - MAPPE E GRAFICI DEL CONTAGIO).

Critiche degli esperti sanitari

approfondimento

Coronavirus, 10 Paesi con più casi in 24 ore: Usa e Brasile in testa

La riapertura del Texas ha sollevato le critiche degli esperti sanitari perché prematura, considerato che lo Stato ha in media 5.500 nuovi casi al giorno e uno dei tassi più bassi di vaccinazione negli Stati Uniti. Abbott però non si è piegato dando il via libera alla rimozione di tutte le restrizioni imposte per il Covid.

Biden accelera sul piano vaccinale

approfondimento

Usa, ok a piano aiuti da 1900 miliardi. Biden ordina altri vaccini

Gli Stati Uniti al momento si confermano il Paese più malato del mondo, afflitto da 29 milioni di contagi e 530mila morti. Ma potrebbe tornare alla normalità a fine maggio. Quando, secondo il presidente Joe Biden, ci saranno dosi di vaccino sufficienti per tutta la popolazione. L'inquilino della Casa ha infatti annunciato 100 milioni di dosi, attese per la seconda metà dell'anno. Biden ha dato la notizia in occasione dell'incontro alla Casa Bianca con i dirigenti di Johnson&Johnson e Merck, una settimana dopo aver mediato un accordo tra le due case farmaceutiche rivali per aumentare la produzione del vaccino sviluppato dalla prima.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24