Covid, in Germania confermato il lockdown: ecco quali misure prevede

Mondo
©Fotogramma

Nonostante il netto calo dei contagi delle ultime settimane, il Paese manterrà rigide misure anti coronavirus fino al 7 marzo perché si teme il possibile impatto delle varianti, in particolare quella britannica. Dai parrucchieri allo smart working: quali sono le limitazioni

Ascolta:

La Germania resta in lockdown almeno fino al 7 marzo, nonostante da settimane si registri un netto calo dei contagi da coronavirus. Dai dati del Robert Koch Institut, dall'inizio della pandemia sono state registrate iltre 65mila vittime, mentre il numero dei contagi complessivi è superiore due milioni di casi. Nel Paese si continuano a mantenere severe misure restrittive per timore del possibile impatto delle varianti del virus, in particolare di quella britannica, la più diffusa nello Stato (CORONAVIRUS: GLI AGGIORNAMENTI - LO SPECIALE).

Il ministro dell'Economia Altmaier: si elabori strategia condivisa

approfondimento

Coronavirus, i 10 Paesi con più casi in 24 ore: l’Italia è settima

In vista delle riaperture al termine del lockdown in Germania, il ministro dell'Economia Peter Altmaier ha proposto di elaborare una strategia comune insieme alle associazioni di categoria. L'obiettivo è presentare per il prossimo vertice Cancelleria-Laender sul coronavirus il 3 marzo un piano comprensivo per dare nuove prospettive dopo il 7 marzo. Dal mondo dell'economia era emerso nei giorni scorsi malcontento su due fronti: per l'assenza di una prospettiva sulle riaperture e quindi per l'incertezza che ne scaturiva, e per i ritardi negli aiuti promessi in autunno ai settori danneggiati dalle chiusure in atto nel secondo lockdown duro del 2020.

Cosa prevede il lockdown in Germania

leggi anche

Covid, i casi nel mondo superano quota 108 milioni

Mentre si prepara un piano per la ripresa delle attività, in Germania resteranno chiusi fino al 7 marzo negozi, bar, ristoranti, cinema, teatri, centri estetici e le case dove si esercita la prostituzione. Dal 1° marzo, invece, potranno tornare al lavoro i parrucchieri. L'uso della mascherina è obbligatorio nei mezzi di trasporti, nei negozi alimentari e supermercati. È favorito quanto più possibile lo smart working da casa e sono vietati i viaggi fuori o all'interno del Paese non indispensabili. Non c'è il coprifuoco, ma è consentita la visita di un solo componente esterno al nucleo familiare, esclusi i minori.

Sulle scuole ogni Land deciderà il calendario

Riguardo al tema scuole e asili nido, ogni singolo Land tedesco deciderà un calendario di riaperture che inizieranno dal 22 febbraio. Obbligo di indossare le mascherine in aula, nelle classi dovrebbero essere migliorati i sistemi di ventilazione ed effettuati test rapidi a rotazione continua. Il governo e i Lander hanno deciso che le eventuali nuove riaperture potranno partire in automatico, quando il tasso di incidenza settimanale sarà sceso a 35 nuovi casi per 100mila abitanti per un periodo di almeno tre giorni di seguito.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24