Elon Musk sempre più ricco sotto la presidenza di Donald Trump

Mondo

Il co-fondatore e Ceo di Tesla a partire dall'entrata in carica dell'ex Tycoon, il 20 gennaio 2017 e fino al 19 gennaio 2021, suo ultimo giorno al potere, ha visto il proprio patrimonio netto salire di oltre 170 miliardi di dollari, stando ai calcoli forniti da Forbes

C'è un miliardario che più di ogni altro ha beneficiato del quadriennio passato, che coincideva con il mandato del 45esimo presidente Usa: Elon Musk. Il co-fondatore e Ceo di Tesla a partire dall'entrata in carica di Donald Trump, il 20 gennaio 2017 e fino al 19 gennaio 2021, suo ultimo giorno al potere, ha visto il proprio patrimonio netto salire di oltre 170 miliardi di dollari, stando ai calcoli forniti da Forbes. Negli ultimi quattro anni, le azioni di Tesla per i veicoli elettrici, sono aumentate del +1.625%, superando nettamente il mercato azionario più ampio. Nello stesso periodo, per capire l'enorme crescita di Musk, l’S&P 500 e il Dow Jones Industrial Average hanno guadagnato circa il 70%, il primo, e il 60%, il secondo.

Sempre più ricco

approfondimento

Bezos, Musk e Gates sono i più ricchi del mondo secondo Bloomberg

Negli ultimi anni, la fortuna del patron di Tesla si è evoluta un ritmo mai visto. Il giorno dell'insediamento di Trump carica, Musk possedeva un patrimonio netto di 12,9 miliardi di dollari. Secondo Forbes, attualmente possiede un patrimonio netto di 184 miliardi di dollari. Il che lo rende la seconda persona più ricca al mondo, dietro solo al Ceo di Amazon, Jeff Bezos, che lo precederebbe per soli - si fa per dire - miliardi di dollari, considerando il suo patrimonio di 190 miliardi di dollari. L'essere riconosciuti come più ricchi ha portato i due a sfidarsi a inizio 2021, con Musk che si è autodichiarato tale l'8 gennaio ma è stato presto smentito dallo stesso Bezos.

Musk beneficia anche dei democratici

A ben vedere, però, Elon Musk non avrebbe beneficiato solo della politica economica di Donald Trump, ma, anzi, la sua crescita ha subito addirittura un'ulteriore accelerazione quando Joe Biden è stato eletto presidente Usa, il controllo del Senato da parte dei democratici poi gli fanno sperare in una condivisione dell'agenda sui cambiamenti climatici. Le azioni Tesla, infatti, negli ultimi tre mesi, sono aumentate di oltre il 100%, segnale che testimonia come gli investitori sono convinti che l’amministrazione di Biden sarà più benevola per il mondo green dei veicoli elettrici.

Rapporto complicato

I rapporti tra il tycoon e il visionario miliardario di Tesla non sono proprio idilliaci. Se tutto è cominciato con la presenza di Musk in ben due consigli consultivi di Trump, è anche vero che l'imprenditore più giovane ha sempre appoggiato la sostenibilità ambientale. Naturale quindi la "scissione" tra i due dopo che Trump ha scelto di abbandonare l'Accordo sul Clima di Parigi (Biden ha già firmato il rientro nel patto). Vero è però che Trump si è recentemente complimentato con Musk per i progressi delle sua compagnia spaziale, la SpaceX, arrivando addirittura a definire il “collega” miliardario come uno dei “più grandi geni americani”. Musk è nato a Pretoria, in Sud Africa, ha cittadinanza canadese ed è solo naturalizzato statunitense.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.