Egitto, per Patrick Zaki altri 15 giorni di reclusione

Mondo

A dare la notizia del verdetto dell'udienza che si è svolta domenica 17 gennaio sono stati i legali del ricercatore egiziano, in carcere da quasi un anno con l'accusa di propaganda sovversiva su internet

Patrick Zaki dovrà affrontare altri 15 giorni di reclusione. E’ questo il verdetto dell'udienza che si è svolta domenica sul rinnovo della custodia cautelare per il ricercatore dell'università d Bologna, in carcere in Egitto da quasi un anno con l'accusa di propaganda sovversiva su internet. Non nascondono delusione gli avvocati del 29enne egiziano. Sentita telefonicamente dall'ANSA, una sua legale, Hoda Nasrallah, ha spiegato che questo nuovo prolungamento non ha nessun significato che possa far sperare in una scarcerazione, pur essendo di 15 giorni e non di 45 come presuppone la fase giudiziaria in cui si trova il ragazzo. 

In carcere da quasi un anno

approfondimento

Zaki: visita fidanzata, 'emozionato per cittadinanza Bologna'

Zaki era stato arrestato in circostanze controverse il 7 febbraio scorso e, secondo Amnesty International, rischia fino a 25 anni di carcere. La custodia cautelare in Egitto può durare due anni. Le accuse a suo carico sono basate su dieci post di un account Facebook che i suoi legali considerano dei 'fake' ma che per le autorità egiziane hanno configurato fra l'altro i reati di "diffusione di notizie false, l'incitamento alla protesta e l'istigazione alla violenza e ai crimini terroristici". Lo studente, attualmente detenuto nel settore per indagati del carcere cairota di Tora, stava compiendo studi all'Alma Mater bolognese in un master biennale in studi di genere ed era stato arrestato al momento di rientrare in Egitto per una vacanza.

La reazione di Amnesty International

approfondimento

Domenica nuova udienza per il rinnovo della detenzione di Zaki

"Con la decisione di rinnovare di altri 15 giorni la detenzione preventiva di Patrick, dopo 48 ore di attesa dell'esito dell'udienza di domenica, le autorità giudiziarie egiziane hanno mostrato ulteriormente il loro disprezzo per il rispetto e la dignità dei detenuti. Quindici giorni vuol dire che arriveremo a ridosso dell'anniversario dall'arresto di Patrick, è una detenzione che, ribadiamo, è illegale, arbitraria, infondata e immotivata". Così Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia, ha commentato il prolungamento della custodia in carcere di Patrick Zaki.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.