Caso Blake, l'agente che gli sparò alle spalle non verrà incriminato

Mondo

Lo ha deciso il procuratore di Kenosha. La famiglia: "Immensa delusione". Il suo caso, unito alla morte di George Floyd, alimentò per settimane le tensioni e le marce di protesta antirazzista in tutti gli Stati Uniti

Un procuratore di Kenosha, Wisconsin, ha deciso di non incriminare Rusten Sheskey, il poliziotto che lo scorso agosto sparò sette colpi alla schiena del 29/enne afroamericano Jacob Blake lasciandolo paralizzato dalla cintola in giù. Ben Crump, l'avvocato della famiglia, ha espresso "immensa delusione" per la decisione, annunciata dopo la mobilitazione della guardia nazionale per il timore di disordini.

leggi anche

Usa, poliziotto spara alla schiena di un afroamericano: è grave

 

Il suo caso e quello di Floyd alimentarono le marce di protesta antirazzista

Il suo caso, unito alla morte di George Floyd, ucciso dalla polizia a Minneapolis, alimento' per settimane le tensioni e le marce di protesta antirazzista in tutti gli Stati Uniti. Blake, che era disarmato, fu ferito mentre stava rientrando in auto, dove lo aspettavano i figli di 3, 5 e 8 anni. 

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24