Coronavirus Usa, Trump: "La gente è stanca di ascoltare Fauci e tutti quegli idioti"

Mondo

Il presidente attacca duramente l'immunologo. Poi attenua le critiche: "Non sono in conflitto con lui, ma è un democratico amico di Cuomo"

Oltre ai consueti attacchi all’avversario Joe Biden, Donald Trump ha provato a riavvivare la sua campagna elettorale Il morale della campagna con una telefonata nella quale ha presi di mira duramente Anthony Fauci . "La gente è stanca di sentir parlare di coronavirus Fauci e tutti quegli idioti", si è sfogato con lo staff senza nascondere la sua crescente impazienza verso il famoso immunologo. "È un disastro", ha detto il presidente, spiegando però che licenziarlo prima delle elezioni sarebbe controproducente. "E lì da 500 anni", ha ironizzato Trump. "Se l'avessimo ascoltato avremmo avuto 700 o 800 mila morti", ha accusato ancora il presidente degli Stati Uniti, dove i decessi per Covid-19 sono ora oltre 219 mila (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI - MAPPE E GRAFICI DEI CONTAGI).

Trump smorza le critiche: "Non sono in conflitto con Fauci, ma è un democratico"

leggi anche

Fauci: la normalità non tornerà prima di fine 2021

In seguito il presidente ha cercato di smorzare le sue critiche: "Non sono in conflitto con Anthony Fauci, è una brava persona ma è democratico, amico dei Cuomo e abbiamo visioni diverse – ha spiegato - "alla fine le decisioni le prendo io, abbiamo salvato centinaia di migliaia di vite", ha aggiunto il presidente Usa. Fauci, che è anche membro della task force della Casa Bianca contro il coronavirus, lo ha spesso criticato per aver minimizzato la pandemia e si è detto assolutamente non sorpreso dal fatto che il presidente abbia contratto il virus per la sua partecipazione a grandi assembramenti. 

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24