Omicidio della reporter sul Nautilus, l'assassino confessa: "Sono stato io"

Mondo

La confessione è stata rilasciata durante un’intervista per un documentario a distanza di oltre due anni dalla condanna per l’omicidio

Per la prima volta Peter Madsen, condannato all'ergastolo per l'uccisione della giornalista svedese Kim Wall a bordo del sottomarino 'Nautilus' da lui progettato, ha ammesso di aver ucciso la giovane reporter svedese.

 

La dichiarazione è stata rilasciata dall’inventore 49enne durante un incontro telefonico nell’ambito di un documentario realizzato sul brutale omicidio. Alla domanda dell’intervistatore se fosse stato lui ad uccidere Kim Wall nel 2017 a bordo del Nautilus, il sottomarino da lui costruito, la risposta è stata chiara: “C’è un unico colpevole e quello sono io”.

 

La condanna

Madsen sta scontando l’ergastolo per l'omicidio della giornalista trentenne invitata sul suo sommergibile per un reportage e poi scomparsa. Solo 11 giorni dopo i suoi resti vennero ritrovati su una spiaggia vicino a Copenaghen da un ciclista di passaggio.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.