Smartworking al mare? La proposta delle Barbados agli stranieri: "Venite, vi aspettiamo"

Mondo
©Getty

La prima ministra Mia Amor Mottley: un bollino di benvenuto ai lavoratori stranieri per superare la crisi del Paese colpito dal blocco del turismo

Lavorare "da remoto" con permessi di soggiorno speciali che prevedono un periodo massimo di 12 mesi. E' la proposta della prima ministra delle Barbados Mia Amor Mottley, riferita dal sito della Bbc.

Mia Amor Mottley, in particolare,  ha annunciato un "bollino di benvenuto alle Barbados" che potrebbe dare ai lavoratori stranieri l'opportunità di 'rilocalizzarsi' nell'isola dei Caraibi e "cambiare il panorama dalla propria finestra".

"Non avete la stretta necessità di lavorare in Europa, o negli Usa, o in America Latina: potete venire qui e lavorare per un paio di mesi alla volta. Venire e tornare", ha dichiarato Mottley.

Per i britannici non occorre visto

L'idea è quella di aiutare la ripresa economica di Barbados, afflitta dal blocco del turismo innescato dalla pandemia  (CORONAVIRUS, GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA - LO SPECIALE). Per i cittadini britannici, inoltre, non c'è neanche bisogno del visto: Barbados, indipendente dal 1966, fa parte del Commonwealth. 

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.