Coronavirus, superati i 10 milioni di contagi nel mondo: crescono i casi in Sud America

Mondo
©Fotogramma

In Brasile si contano oltre 1,36 milioni di casi. Record di 48 decessi in 24 ore in Argentina. In Usa 100 nuovi contagi in Michigan sono legati allo stesso locale. In Libia arrivano a 800 i casi totali, mentre in Russia si contano 154 morti in un giorno

I dati aggiornati della Johns Hopkins University parlano di oltre 10 milioni di casi casi di Coronavirus (GLI AGGIORNAMENTI LIVESPECIALEOMS: IL PEGGIO DEVE ANCORA VENIRE) in tutto il mondo. Continuano a salire, anche se con numeri meno importanti, i nuovi casi registrati in Sud America, diventato sorvegliato speciale in questa fase della pandemia con 2.530.106 contagiati. In Argentina è record di morti in un giorno, con 48 decessi. Il Brasile conta 24.052 casi in un giorno. In Asia, la Cina ha approvato l'uso del primo vaccino destinato ai soldati del proprio esercito nazionale. Negli Usa, invece, è scoppiato un caso dopo 100 nuovi contagi tutti legati a un bar del Michigan.

In Brasile incremento moderato dei casi

approfondimento

Coronavirus, la situazione in Italia: grafici e mappe

Il Brasile, primo Paese in America Latina e secondo nel mondo per contagi e morti, vede un incremento di 24.052 casi, dopo i 30.476 di ieri, per un totale di 1.368.195. Lo stesso vale per i decessi, saliti a 113.689, dopo il +552 di ieri e il +692 di oggi, cifre molto al di sotto di quelle medie delle scorse settimane che fanno pensare a un lieve decremento della curva dei contagi.

In Argentina è record di morti in un giorno

Nelle ultime 24 ore in Argentina sono decedute 48 persone a causa del coronavirus,  un record per una giornata da quando è scoppiata la pandemia nello scorso marzo. Le vittime sono salite a 1.280, mentre i casi di contagio hanno raggiunto quota 62.268. In un comunicato il ministero della Sanità ha indicato che 535 pazienti si trovano in rianimazione con una percentuale di occupazione del 50,6% della disponibilità di letti nella capitale Buenos Aires e del 55,9% di quelli dell'Area metropolitana.

In Usa 107 casi legati ad un solo bar del Michigan

approfondimento

Coronavirus, la diffusione globale in una mappa animata

Sono almeno 107 i nuovi contagi registrati nella città di East Lansing, in Michigan, legati allo stesso locale. Tutti coloro che hanno frequentato l'Harper's Restaurant & Brew Pub tra il 12 e il 20 giugno sono stati invitati a mettersi in auto-isolamento a casa e a segnalare eventuali casi di Covid-19. I gestori del locale hanno assicurato di aver attuato tutte le linee guida e le misure di distanziamento tra i tavoli. "Abbiamo riaperto l'8 giugno al 50% della nostra capacità in linea con le raccomandazioni del governatore", hanno dichiarato.

In Libia salgono a 802 i casi totali

La Libia ha registrato nelle ultime 24 ore altri 38 nuovi contagi da coronavirus, che portano così a 802 il totale dei casi confermati nel Paese. Lo ha reso noto il Centro nazionale libico per il controllo delle malattie, precisando che i morti salgono da 21 a 23, i guariti da 196 a 206 e le persone attualmente positive da 543 a 573. Il capo del centro nazionale per il controllo delle malattie della città di Sabha, nel Fezzan, Abdel Hamid Al-Fakhiri, ha dichiarato che è la regione meridionale a detenere il maggior numero di casi di coronavirus nel Paese, precisando che la regione di Sabha ha registrato 292 casi, quasi la metà di tutti quelli registrati in Libia, con il 90% delle infezioni riportate solo nella stessa Sabha.

In Australia lo stato di Victoria reintroduce il lockdown a Melbourne

approfondimento

Coronavirus Australia, in lockdown 10 quartieri di Melbourne. FOTO

Lo stato australiano di Victoria ha reintrodotto il lockdown in 10 quartieri alla periferia di Melbourne dopo un aumento improvviso di casi di coronavirus (LE FOTO). Le misure resteranno in vigore fino al 29 luglio, ha annunciato il premier Daniel Andrews. Nelle 10 zone colpite si potrà uscire solo per "fare la spesa, occuparsi di persone bisognose, fare sport, lavorare o studiare se non lo si può fare da casa". Saranno limitati gli accessi a palestre, piscine e biblioteche, mentre caffè e ristoranti torneranno al solo servizio di take-away e delivery. Sono 64 i casi di Covid-19 registrati nelle ultime ore nello stato di Victoria, un incremento per il 14esimo giorno consecutivo.

In Russia oltre 6.600 nuovi contagi

Sono 6.693, invece, i nuovi casi di Covid-19 registrati in Russia nelle ultime 24 ore, che fanno salire a 647.849 il totale dei contagi accertati. I nuovi contagi restano sotto quota 7.000 per il quinto giorno di fila, secondo i dati annunciati dal centro operativo anticoronavirus russo, secondo cui 154 persone sono morte a causa del virus nelle ultime 24 ore portando ufficialmente a 9.320 il totale delle vittime del Covid-19 nel Paese. I guariti sono 9.220 nelle ultime 24 ore e 412.650 in tutto.

In Germania esplode focolaio in Baviera

approfondimento

Coronavirus, in Brasile oltre 58mila morti: 692 in 24 ore. FOTO

Un nuovo focolaio, dopo quello nel mattatoio in Renania Settentrionale-Vestfalia, è esploso in Germania in un'impresa di catering bavarese: almeno 44 persone sono risultate positive al test, secondo quanto hanno reso noto gli amministratori del distretto Stanberg. Fra i contagiati ci sono anche 10 richiedenti asilo del centro di accoglienza di Hechendorf, da dove sarebbe partito l'allarme sull'epidemia. L'impresa, che è stata chiusa sabato scorso per 14 giorni, rifornisce anche la mensa della clinica universitaria Grosshadern di Monaco, che ospita circa 2000 pazienti.

In Iran 2.457 contagi in 24ore

Salgono a 227.662 i casi di Covid-19 registrato in Iran, con 2.457 contagi registrati nelle ultimi 24 ore. Le vittime in un giorno sono 147, in calo dopo aver toccato ieri il picco assoluto dall'inizio della pandemia con 162 morti. Il totale dei decessi confermati è di 10.817. I ricoverati in terapia intensiva aumentano a 3.049, mentre i pazienti guariti salgono a 188.758. I test effettuati finora sono 1.666.587. Lo ha riferito nel suo bollettino quotidiano la portavoce del ministero della Salute iraniano Sima Sadat Lari. "L'Iran ha raggiunto un picco nelle province di confine o nelle città che non lo avevano vissuto nel primo mese dell'epidemia. Quindi - ha spiegato la portavoce di Teheran - siamo sempre di fronte alla prima ondata".

Mondo: I più letti