Corte Suprema Usa: "Vietato licenziare qualcuno perché gay o trans"

Mondo

La storica decisione dei giudici stabilisce che la legge federale deve tutelare da ogni discriminazione sul lavoro.  La sentenza afferma che il titolo VII del Civil Rights Act del 1964 protegge non solo dalla discriminazioni basate sulla razza o la religione, ma anche da quelle sull'orientamento sessuale o sull'identità di genere

Un lavoratore non può essere licenziato perché è gay o transgender. È questa la storica decisione presa dalla Corte Suprema degli Stati Uniti che ha stabilito che la legge federale deve proteggere da ogni discriminazione sul lavoro. La decisione è stata presa a maggioranza, 6 a 3, con il presidente della Corte John Roberts e il giudice conservatore Neil Gorsuch che hanno votato con i giudici di nomina democratica (I DIRITTI LGBT NEL MONDO E IN EUROPA).

La sentenza

approfondimento

Pride Month 2020, i 12 film LGBTQ+ da vedere

Nello specifico, la sentenza afferma che il titolo VII del Civil Rights Act del 1964 protegge non solo dalla discriminazioni basate sulla razza o la religione, ma anche da quelle basate sull'orientamento sessuale o sull'identità di genere. Dunque protegge anche i lavoratori Lgbtq. Viene quindi riconosciuto che dove la legge parla di 'sesso' non ci si riferisce solo alla potenziale discriminazione delle donne.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.