Scomparsa di Maddie McCann, sospetto omicida indagato in un altro caso di bimba sparita

Mondo
©Ansa

La procura tedesca di Stendal sta indagando per verificare se ci sia un legame tra la scomparsa della piccola, svanita nel nulla a 3 anni nel 2007 in Portogallo, dove si trovava in vacanza con i genitori, e un'analoga sparizione nel 2015 di una bambina tedesca di 5 anni della Sassonia-Anhalt, di nome Inge. Il materiale probatorio raccolto finora "non è ancora sufficiente per un mandato d'arresto o un'incriminazione" del principale sospetto, ha intanto dichiarato la procura

La procura tedesca di Stendal sta indagando per verificare se ci sia un legame tra la scomparsa della piccola Madeleine “Maddie” McCann - la bimba britannica svanita nel nulla a 3 anni nel maggio del 2007 a Praia de Luz, in Portogallo, dove si trovava in vacanza con i genitori (TUTTE LE TAPPE DEL CASO) - e un'analoga scomparsa nel 2015 di una bambina tedesca di 5 anni della Sassonia-Anhalt, di nome Inge. Stamattina il quotidiano locale Magdeburger Volksstimme aveva dato notizia che il sospetto omicida di Maddie, un pluripregiudicato per reati sessuali che al momento si trova già in carcere per altri crimini, aveva acquistato una proprietà a Neuwegersleben (Sassonia-Anhalt) proprio vicino a dove la piccola Inge era scomparsa durante una gita con i genitori il 2 maggio del 2015. 

Procura: "Non ancora abbastanza indizi per l’arresto"

approfondimento

Scomparsa di Maddie McCann, si indaga su un nuovo sospetto

Ieri c'è stata una possibile svolta nel caso di Maddie, con la polizia tedesca che ha annunciato di avere aperto un'indagine su un nuovo sospetto e ha chiesto a chiunque sappia qualcosa di farsi avanti. Il materiale probatorio raccolto finora "non è ancora sufficiente per un mandato d'arresto o un'incriminazione" del principale sospetto della scomparsa e presunta uccisione di Maddie, ha dichiarato oggi Hans Christian Wolters della procura di Braunschweig. Lo riferisce l’agenzia di stampa Dpa.

Il sospettato si trova già in carcere per altri crimini

Il 43enne sospettato sta attualmente scontando una vecchia pena detentiva a Kiel, inflitta nel 2011. Il caso riguardava lo spaccio di stupefacenti. Allo stesso tempo è in custodia cautelare con l'accusa di stupro. Il 16 dicembre 2019 infatti il tribunale regionale di Braunschweig lo ha condannato a sette anni di reclusione per stupro aggravato, comprese le condanne precedenti, ma il verdetto non è ancora definitivo perché è in atto un ricorso di competenza del Tribunale federale, riferisce Dpa. In tutto è già stato condannato 17 volte ed era stato arrestato a Milano alle 7.30 del 28 settembre 2018 nei pressi del consolato tedesco dal Nucleo investigativo su mandato di arresto internazionale,  emesso dal Tribunale di Flensburg il 19 settembre di quell'anno.

Il sospetto si sarebbe vantato in un bar

approfondimento

Caso Maddie McCann, dalla scomparsa alle indagini: le tappe. FOTO

Il 43enne sarebbe entrato nei radar delle forze di polizia dei vari Paesi coinvolti fin dal 2017. Lo riferiscono i media del Regno, riprendendo indiscrezioni d'oltre confine secondo cui l’uomo si sarebbe tradito vantandosi con un compagno di bevute di sapere "cosa era successo" a Maddie mentre entrambi guardavano in un bar tedesco alla televisione un servizio sul decennale del caso. L'episodio, non confermato per ora da alcuna fonte ufficiale, risalirebbe appunto al 2017: lo stesso anno in cui risulta che il nome del sospetto sia giunto all'orecchio anche di Scotland Yard, seppure inizialmente senza seguito.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.