Venezuela, blackout elettrico a Caracas e in diverse regioni

Mondo

La capitale e almeno altri 16 Stati del Paese sono rimasti senza energia in quello che la vicepresidente esecutiva Delcy Rodriguez ha definito "un attacco" premeditato legato a una presunta incursione terroristica sventata contro il Paese. Intanto il servizio è in fase di recupero

Caracas, la capitale del Venezuela, e diversi altri Stati del Paese sono rimasti senza elettricità a causa di un blackout. La sospensione dell’energia si è verificata a pochi giorni di distanza da quello che il governo di Maduro ha definito un tentativo di golpe, che è stato sventato nella notte tra sabato e domenica al largo della città portuale di La Guaira. Il blackout, secondo la vicepresidente esecutiva Delcy Rodriguez, è un vero e proprio "attacco" premeditato: "Il Sistema elettrico nazionale – ha dichiarato -  ha subito un attacco alle sue linee trasmissione del settore 765, appena poche ore dopo il tentativo fallito di incursione terroristica contro il Venezuela". Intanto i tecnici sono al lavoro per risolvere il guasto e il servizio dovrebbe tornare alla normalità in breve tempo. Oltre Caracas, altri 16 Stati sarebbero interessati dal blackout.

Stati Uniti: "Rilevante campagna di disinformazione"

approfondimento

Venezuela, Nicolas Maduro incriminato dagli Usa per narco-terrorismo

Nello scontro avvenuto nei giorni scorsi a La Guaira, hanno fatto sapere le autorità venezuelane, sono stati effettuati 15 arresti tra cui quelli di due americani. Per il presidente Maduro l’attacco è stato organizzato con la complicità di Colombia e Stati Uniti e aveva come obiettivo quello di ucciderlo. Il progetto, che si sarebbe chiamato in codice "Operazione Gedeone", avrebbe dovuto consentire lo sbarco nella città costiera, poco distante da Caracas, di una trentina di uomini armati, partiti probabilmente dalla Colombia. Un commando, che Maduro ha definito di "mercenari terroristi". Intanto un portavoce del dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha dichiarato che il presunto golpe potrebbe far parte di una "rilevante campagna di disinformazione" condotta dal presidente Nicolas Maduro. "Cerchiamo di saperne di più, comprese le attività dei due cittadini americani" di cui le autorità venezuelane hanno annunciato l'arresto, ha aggiunto. Nei giorni scorsi anche il presidente Trump aveva negato il coinvolgimento degli Stati Uniti nella vicenda.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.