Incendi in Australia, è morto il koala Billy: era il simbolo della devastazione dei roghi

Mondo

I volontari del centro Adelaide & Hills Koala Rescue hanno fatto sapere che il koala non ce l'ha fatta. "Lo stress subito durante gli incendi si è rivelato troppo difficile da affrontare", hanno spiegato

Il koala Billy era diventato il simbolo degli animali della sua specie messi in salvo dagli incendi che hanno colpito l’Australia negli ultimi mesi. Ma ora i volontari del centro Adelaide & Hills Koala Rescue informano che, nonostante tutti gli sforzi per guarirlo, Billy non ce l’ha fatta: "Il caro Billy non è arrivato alla fine del suo viaggio di recupero", hanno scritto sull’account Instagram, dove il koala con i suoi guantini, che coprivano le ustioni causate dal fuoco, era diventato molto popolare. Le gravi ferite sulle sue zampe e lo stress subito durante gli incendi hanno portato a un peggioramento delle sue condizioni, finché non c’è stato più nulla da fare.

I volontari che hanno accudito il koala: "Ci manchi"

"Abbiamo alcune notizie molto tristi da condividere con tutti voi – scrivono i volontari dell’ Adelaide & Hills Koala Rescue sul profilo instagram 1300 koalaz -  Il caro Billy non è arrivato alla fine del suo viaggio di recupero. Stava andando così bene, ma non ce l’ha fatta. Ha chiuso i suoi bellissimi occhi la mattina presto, mentre il sole sorgeva e gli uccelli cominciavano a cantare". "Lo stress subito durante gli incendi si è rivelato troppo difficile da affrontare. Le sue infermiere hanno i cuori infranti, ma ora lo immaginano che si arrampica su un grande albero su nel cielo. Grazie per l’amore che gli avete dato. Riposa bene Billy, ci manchi", si legge ancora nel post.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.