L’avvocato di Carlos Ghosn: “Arrabbiato per la sua fuga, ma lo capisco”

Mondo

Un legale dell’ex presidente di Nissan-Renault racconta che si è sentito tradito dal suo cliente, fuggito in Libano per evitare il processo in Giappone, ma che poi, pensando al sistema giudiziario e a come è stato trattato, “la rabbia si è spostata in direzione diversa”

“Mi sono sentito arrabbiato e tradito per la sua fuga, ma lo capisco”. È così che Takashi Takano, uno degli avvocati giapponesi di Carlos Ghosn (CHI È), ha commentato la fuga in Libano dell’ex presidente Nissan-Renault per scampare al processo in Giappone. Nei confronti dell'uomo d'affari, che si trovava in libertà vigilata a Tokyo, l'Interpol ha emesso un mandato d'arresto.

“Sono stato tradito. Ma non è stato Carlos Ghosn a farlo”

Sul suo blog, l’avvocato ha raccontato che quando ha saputo - la mattina di Capodanno - che il suo “cliente” era scappato in Libano ha provato per prima cosa "una rabbia intensa". "Mi sono sentito tradito”, ha detto. “Ma –  ha aggiunto – quando poi mi sono ricordato di come era stato trattato dal sistema giudiziario di questo Paese, la rabbia si è spostata in una direzione diversa”. "Sono stato certamente tradito. Tuttavia, non è stato Carlos Ghosn a farlo”, ha scritto Takashi Takano.

I timori per la mancanza di un processo equo in Giappone

Nel testo, l'avvocato ha descritto le severe condizioni di restrizione a cui Ghosn è stato sottoposto e ha riportato i colloqui in cui l'uomo d'affari esprimeva il timore di non ottenere un processo equo in Giappone. “Purtroppo, gli imputati non possono aspettarsi un processo equo in questo Paese. Il giudice non è un potere indipendente. Fa parte di una burocrazia. I media giapponesi sono solo un'agenzia di pubbliche relazioni della Procura. Tuttavia, molti giapponesi non ne sono consapevoli”, ha scritto. Secondo Takano, Ghosn ha chiesto più volte, dal suo arresto alla fine del 2018, di essere sottoposto a un processo equo. E "le sue domande e l'ansia sembravano crescere", ha detto l'avvocato. "Era disperato, tra l'altro, a causa delle condizioni di restrizione e sorveglianza, che violavano chiaramente il disegno di legge internazionale sui diritti umani”, ha aggiunto.

Le critiche al sistema giudiziario giapponese

L'ultima volta che l’avvocato ha visto Ghosn è stata la vigilia di Natale, quando era presente a una videochiamata tra l’uomo e sua moglie, Carole, attentamente sorvegliati. Takano, sul suo blog, ha riconosciuto che la maggior parte degli imputati non può fuggire come Ghosn, ma ha aggiunto che se avessero le sue risorse finanziarie e i suoi contatti, “avrebbero almeno pensato di provarci”. “È una fine deludente, che avrebbe potuto essere diversa", ha concluso l'avvocato, aggiungendo di non essere mai stato così deluso dal sistema giudiziario giapponese. Sistema che - secondo la sua personale opinione e non come avvocato, ha specificato - assume spesso un comportamento "brutale" e "criminale".

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.