Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Hong Kong, caos nel terzo giorno di fila delle proteste. Cina: "Verso abisso terrorismo"

I titoli delle 18 di Sky TG24 del 13/11

2' di lettura

Proseguono gli scontri tra manifestanti pro-democrazia e polizia. Le mobilitazioni stanno bloccando la città: pesanti i problemi ai trasporti, mentre domani tutte le scuole saranno chiuse. Crolla la Borsa dell’ex colonia

Nel terzo giorno di fila delle proteste che stanno paralizzando la città, i manifestanti pro-democrazia a Hong Kong hanno diffuso una foto in cui mostrano i proiettili di gomma sparati contro di loro dalla polizia. Proseguono dunque i violenti scontri tra attivisti e polizia dopo che gli agenti due giorni fa hanno sparato a distanza ravvicinata contro un gruppo di giovani mascherati, ferendone uno (VIDEO - FOTO). Le mobilitazioni stanno bloccando la città: pesanti i problemi ai trasporti, molte le scuole chiuse. La Borsa di Hong Kong intanto crolla.

La foto dei proiettili di gomma sparati dalla polizia diffusa dai manifestanti (Ansa)

Trasporti a singhiozzo

La Mtr, il gestore della metro, ha sospeso le linee East Rail e Kwun Tong lines, e i servizi sono a singhiozzo in altre zone. La polizia è tornata alla Chinese University per evacuare 80 studenti cinesi trovando molte molotov, mentre il parlamento ha sospeso i lavori per la bagarre scoppiata tra i fronti pan-democratico e pro-Pechino. Il Jockey Club, istituzione ippica locale, ha annullato il concorso serale per timori sulla sicurezza.

Domani scuole chiuse

Alla luce delle condizioni attuali e prevedibili del traffico e della situazione generale, tutte le scuole di Hong Kong (tra asili nido, scuole primarie, secondarie e speciali) saranno chiuse domani "per motivi di sicurezza”, si legge in una nota dell'Ufficio per l'Educazione postata sul sito del governo, che prende atto delle difficoltà dell'ex colonia.

Cina: "Verso l’abisso del terrorismo"

Il liaison office, l'Ufficio di collegamento della Cina di base a Hong Kong, ha denunciato che l'ex colonia "sta scivolando verso l'abisso del terrorismo". In una nota diffusa oggi, l'Ufficio ha supportato la tesi, menzionando il caso dell'uomo pro-Pechino dato alle fiamme lunedì per un diverbio con i manifestanti come "un flagrante atto di terrorismo”.

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"