Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Iraq, sono 1.100 i militari italiani impegnati nella missione contro l’Isis

Iraq, ambasciatore italiano: militari feriti a Kirkuk non in pericolo vita

2' di lettura

I 5 soldati rimasti feriti nell’attentato di Kirkuk fanno parte della missione “Prima Parthica/Inherent Resolve” a cui partecipano 79 Paesi e 5 Organizzazioni internazionali. Il nostro Paese fornisce anche 305 mezzi terresti e 12 mezzi aerei

Sono 1.100 i militari italiani - tra cui i 5 rimasti feriti nell’attentato di Kirkuk - impegnati in Iraq nella missione della coalizione multinazionale “Prima Parthica/Inherent Resolve”. L’operazione della coalizione multinazionale ha l’obiettivo di colpire lo Stato Islamico in Siria e in Iraq: sono 79 i Paesi che partecipano e 5 le Organizzazioni internazionali. L’Italia, oltre ai militari, fornisce 305 mezzi terresti e 12 mezzi aerei.

Cosa prevede la missione

La missione prevede l'addestramento delle forze di sicurezza curde e irachene - con il personale italiano dislocato tra Erbil, nel Kurdistan iracheno, e Baghdad -, la ricognizione aerea con i droni e attività di rifornimento carburante in volo per i velivoli della coalizione. A Erbil opera il personale dell'Esercito nell'ambito del “Kurdistan Training Coordination Center”, il cui comando è attribuito alternativamente per un semestre all'Italia e alla Germania. A Baghdad e a Kirkuk sono invece impegnati gli uomini delle forze speciali, appartenenti a tutte le forze armate italiane, che hanno il compito specifico di addestrate i militari iracheni del “Counter Terrorism Service” (Cts) e le forze speciali e di sicurezza curde. Nella capitale irachena sono poi dislocati altri 90 militari nell'ambito della “Police task force Iraq”, che ha il compito di addestrare i poliziotti iracheni che devono operare nelle zone liberate dall'Isis.

Le forze aeree

Per quanto riguarda l'impegno dei mezzi aerei, 4 elicotteri da trasporto Nh90 sono schierati a Erbil mentre in Kuwait ci sono i Boeing Kc 767 A, gli Eurofighters e i Predator. A questi velivoli è affidato il compito di rifornimento in volo e sorveglianza del territorio.

Le risoluzioni dell’Onu

Le forze dei vari Paesi che aderiscono alla coalizione operano in base a due risoluzioni dell'Onu: la numero 2170 del 15 agosto 2014 e la numero 2178 del 27 settembre 2014, sulla base della richiesta di soccorso presentata il 20 settembre 2014 dal rappresentante permanente dell'Iraq presso l'Onu al Presidente del Consiglio di Sicurezza.

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"