Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Russia, 600 fermi per proteste anti Putin. Fermata Lyobov Sobol, fedelissima di Navalny

2' di lettura

A Mosca, dopo le manifestazioni di sabato scorso, sono in corso cortei non autorizzati lungo l'anello dei boulevard. Lyubov Sobol, fedelissima di Navalny, è stata fermata mentre dal suo quartier generale si stava recando alle dimostrazioni

Sono almeno 600 le persone fermate dalla polizia russa a Mosca, dove sono in corso proteste non autorizzate contro Vladimir Putin. Lo fa sapere la ong OVD-Info, che monitora l'operato degli agenti. Secondo la tv indipendente Dozhd, "decine di manifestanti" sono stati caricati sulle camionette a piazza Pushkinskaya, nel centro della capitale. Prima delle manifestazioni gli agenti hanno fermato Lyubov Sobol, fedelissima del leader dell’opposizione Alexei Navalny e "madrina" dei cortei che si stanno snodando lungo i boulevard, dove tutte le attività commerciali sono chiuse, probabilmente su ordine delle autorità. Intanto, circa un migliaio di persone si sono riunite anche a San Pietroburgo, in piazza Lenin, in sostegno al movimento di protesta di Mosca.

Il fermo di Sobol

Sobol è stata fermata mentre dal suo quartier generale si stava recando, in taxi, verso le proteste. "Perché avete i caschi, avete paura di una ragazza al 20esimo giorni di sciopero della fame?", ha chiesto Sobol ai poliziotti. Gli agenti l'hanno quindi caricata a forza, facendola scendere dal taxi, su una camionetta della polizia. Prima di essere portata via ha chiesto le tessere identificative degli agenti e ha letto i loro nomi ad alta voce davanti ai giornalisti che hanno documentato il fermo. Poi ha chiesto la ragione del fermo e le è stato risposto da uno degli agenti "20.2", ovvero l'articolo del codice russo che vieta le manifestazioni non autorizzate.

La nuova protesta

È stata la 31enne fedelissima di Alexei Navalny a chiamare a raccolta i sostenitori dell'opposizione moscovita chiedendo di sfilare pacificamente lungo l'anello dei boulevard della capitale russa, ovvero la storica circonvallazione interna. Circa 15mila persone si sono dette interessate sulla pagina Facebook dell'evento. Quasi tutte le figure di spicco dell'opposizione, come Navalny o Ilya Yashin, sono state fermate sabato scorso e condannate all'arresto amministrativo. "Le persone chiedono più proteste - ha detto Sobol - e sabato scorso ha dimostrato che sono pronti a uscire per strada anche se la protesta non è stata approvata dalle autorità. Avrei tradito i miei sostenitori se avessi accettato di sfilare in Prospekt Sakharov ora". Ovvero il viale fuori dal centro, dove le autorità relegano solitamente tutte le manifestazioni. 

Data ultima modifica 03 agosto 2019 ore 17:05

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"