Giappone, inizia l'era Reiwa: all'insegna di ordine, armonia e pace

Mondo
La presentazione in conferenza stampa del nome "Reiwa" (Getty)

Il nuovo corso avrà inizio ufficialmente il primo maggio quando l’attuale imperatore Akihito lascerà il trono. Il termine punta sul concetto di armonia come elemento identificativo di una cultura. “Descrive l'eredità culturale di un popolo", ha spiegato il premier Abe

"Reiwa" è il nome stabilito dal governo giapponese per la nuova era del Paese, che avrà inizio ufficialmente il primo maggio quando il principe della corona Naruhito ascenderà al trono per succedere al padre, l'attuale imperatore 85enne Akihito. La scelta è stata comunicata in diretta televisiva dal capo di gabinetto Yoshihide Suga. Il significato del nuovo corso è "ordine", "armonia" o "pace" e deriva da un classico giapponese dell'ottavo secolo, Manyoshu. "Reiwa intende descrivere l'eredità culturale di un popolo, sinonimo di coesione sociale e del rispetto nel suo insieme della comunità", ha spiegato il premier giapponese Shinzo Abe nel corso della conferenza stampa.

La discontinuità con il passato, nel segno dell’armonia

Il nome dell'era deve essere composto di due "Kanji", i caratteri cinesi, e deve essere facile da scrivere e da leggere: non può essere stato precedentemente usato o essere di uso comune. Con "Reiwa" è la prima volta in 1300 anni di storia che il modello di riferimento viene preso da un documento di storia giapponese, rappresentando una discontinuità dai classici cinesi. Il termine dell'era attuale - "Heisei" - verrà abolito il 30 aprile.

Un lungo percorso

Il percorso per la selezione del nome è iniziato formalmente nel 2017, l'anno successivo all'annuncio in forma "riservata" dell'imperatore Akihito di "farsi da parte", viste l'età avanzata e le difficoltà nello svolgimento delle sue funzioni. Esperti di letteratura giapponese e di storia dell'Asia orientale sono stati interpellati per avanzare proposte, esaminate successivamente da una commissione composta da accademici ed esponenti nel settore degli affari e del comparto dei media, prima di essere sottoposte nuovamente alla visione dei portavoce di entrambe le camere del Parlamento.

Come funzionano le ere giapponesi

La decisione del nome della nuova era - o “gengo” - è un evento di grande importanza in Giappone, perché serve a suddividere la storia in periodi di tempo universalmente riconosciuti durante il regno di un monarca, malgrado nel Paese del Sol Levante si usi prevalentemente il calendario gregoriano. Il sistema “gengo”, creato per la prima volta nell'anno 645, venne adottato in modo definitivo a partire dal 701, e la nuova era sarà la 248esima della casa imperiale giapponese. L'era corrente ha preso il nome di "Heisei" (pace ovunque), e ha avuto inizio la data di insediamento Akihito, l'8 gennaio 1989. Il trono del Crisantemo in Giappone è la più antica monarchia ereditaria esistente al mondo senza aver subito interruzioni, a partire dal 660 a.C.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24