Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Brexit, May si salva e incassa la fiducia. Corbyn: "Togliere dal tavolo il No Deal"

306 sì contro 325 no: il governo resiste. Merkel e Macron pronti a concedere tempo a Londra, ma ai loro ministri dicono: non si riaprono i negoziati. E anche l'Ue ribadisce: "L'accordo non può essere rinegoziato"

Leggi tutto
1 nuovo post
Theresa May si salva nel voto di fiducia dopo la sconfitta in Parlamento contro il suo accordo sulla Brexit. La premier ha ottenuto il via libera per 19 voti, 325 contro 306. I 118 conservatori ribelli e i 10 alleati unionisti nordirlandesi che 24 ore prima avevano votato contro il suo accordo, mandando l'esecutivo sotto di 230 voti e producendo una disfatta senza precedenti che nelle parole del leader del Labour avrebbe indotto alle dimissioni "qualunque altro primo ministro" del Regno, si sono riallineati.
 
Le reazioni dell’Ue
 
Da tutta Europa arrivano reazioni allarmate: Angela Merkel sottolinea che c'è ancora "tempo per trattare", ma spetta a Londra fare adesso "una proposta". "Mai il rischio di un no deal è stato così vicino", avverte tuttavia il capo negoziatore Michel Barnier, ricordando come ormai manchino solo 10 settimane al 29 marzo.
Nessuno dei 27 Paesi dell'Ue sembra voler ridiscutere l'accordo raggiunto a novembre, ha però sottolineato la stessa cancelliera tedesca. E se alcuni Paesi, tra cui l'Italia, non rinunciano a un approccio soft, da Parigi Macron assume un atteggiamento molto più fermo sullo stop a nuove trattative.
 
Theresa May: dialogo con le opposizioni
 
Theresa May non ha fornito indicazioni su come procederà dopo il voto. La premier ha annunciato l'avvio di un dialogo bipartisan con tutti i leader dei partiti di opposizione prima di tornare in aula lunedì per aggiornare i suoi piani. Ha insistito, tuttavia, sulla bontà del suo accordo, sul "dovere di attuare la Brexit" e sul no a un nuovo referendum. A Corbyn, che aveva comunque provato a sondarla sull'opzione gradita al Labour di rinegoziare con l'Ue  la permanenza nell'unione doganale, ha risposto negativamente.
 
Jeremy Corbyn: levare l’opzione No Deal dal tavolo
 
Il leader dell'opposizione laburista britannica, Jeremy Corbyn, da parte sua si è detto disposto a incontrare Theresa May sul dossier Brexit, dopo la sconfitta di misura della mozione di sfiducia presentata contro il governo stasera, ma ha chiesto alla premier Tory di "togliere dal tavolo" qualunque ipotesi di divorzio no deal dall'Ue. Anche il capogruppo degli indipendentisti scozzesi dell'Snp, Ian Blackford, ha detto sì a un confronto "costruttivo" con May, pur ribadendo la differenza delle posizioni.
- di Redazione Sky TG24
 
- di Redazione Sky TG24

Il liveblog termina qui

 
Per tutti gli aggiornamenti, vi invitiamo a seguire la diretta di Sky tg24
- di Redazione Sky TG24

May: è il momento di unirsi e lasciare l'Ue
 

"È il momento di unirsi e realizzare quanto deciso nel referendum" sulla Brexit: la premier britannica, Theresa May, ha concluso così il suo messaggio al Paese dopo il voto che ha bocciato la mozione di sfiducia alla Camera dei Comuni.
"L'obiettivo è ora di trovare un modo per avanzare sulla Brexit. Ritengo sia mio dovere realizzare il desiderio degli elettori e lasciare l'Ue", ha detto May affacciandosi dalla porta del numero 10 di Downing Street. "È arrivato il momento di mettere da parte gli interessi personali, ho appena avuto incontri con i leader dei nazionalisti scozzesi e del Plaid Cymbrun gallese. Sono delusa che Corbyn si sia tirato indietro ma la nostra porta rimane aperta. È arrivato il momento di unirsi e realizzare il referendum".
- di Redazione Sky TG24
- di Redazione Sky TG24

May: Corbyn ha deciso di non partecipare a incontri

In serata, parlando da Downing Street, la premier May ha detto di essere “dispiaciuta” per il rifiuto di Jeremy Corbyn di partecipare alle nuove trattative per la Brexit. La leader dei Tory ha però sottolineato che la porta per i Labour “resterà aperta”

- di Redazione Sky TG24

Il racconto della giornata

 


 
- di Redazione Sky TG24

Brexit: alle 23 la premier May parlerà al Paese

 

La premier Theresa May parlerà al Paese tra poco, alle 23 ora italiana, da Downing Street. Lo ha reso noto lo stesso ufficio della premier, che stasera ha superato la mozione di sfiducia presentata dal leader laburista, Jeremy Corbyn, dopo la sonora bocciatura dei Comuni dell'accordo da lei negoziato con Bruxelles.
- di Redazione Sky TG24

La sterlina si rafforza su dollaro ed euro dopo il voto

 

La sterlina britannica si rafforza leggermente contro il dollaro e l'euro, pochi minuti dopo che la premier britannica Theresa May ha superato la mozione di sfiducia presentata dal leader laburista, Jeremy Corbyn, con 19 voti di scarto (325 voti a suo favore, contro 306). La sterlina è scambiata a 1,2879 dollari.
- di Redazione Sky TG24

Brexit, Corbyn a May: togliere dal tavolo il No Deal
 


 
- di Redazione Sky TG24

Brexit, May: incontrerò tutti i leader dell’opposizione

 


 
- di Redazione Sky TG24

L'annuncio del risultato del voto 

 


 
- di Redazione Sky TG24
- di Redazione Sky TG24

Corbyn: governo eviti la catastrofe di uscita "No Deal"

 

"Prima che possano esserci discussioni positive sulla via da seguire, il governo deve rimuovere chiaramente la prospettiva di una catastrofe: l'uscita senza un accordo. Invito il primo ministro a tenerne conto fin da ora". Lo ha detto il leader laburista Jeremy Corbyn alla Camera dei Comuni dopo il voto sulla mozione di sfiducia che aveva presentato ieri. "Ieri notte la camera ha respinto l'accordo del governo e lo ha fatto in maniera molto forte", ha detto Corbyn, "ora deve essere evitato il No Deal".
 
- di Redazione Sky TG24

May: "Oggi incontro opposizione, lunedì torno a Camera"

 

Theresa May incontrerà questa sera l'opposizione per trovare "una soluzione negoziabile" sulla Brexit. May tornerà alla Camera dei Comuni il prossimo lunedì. Lo ha detto la stessa premier britannica al termine di un voto di fiducia che ha vinto. "Questa Camera - ha aggiunto
May - ha ancora la fiducia del popolo britannico".
- di Redazione Sky TG24

306 sì contro 325 no: il Parlamento respinge la mozione di sfiducia alla May

- di Redazione Sky TG24
 
- di Redazione Sky TG24

Il Parlamento vota la fiducia

Il Parlamento inglese si appresta a votare la fiducia. Lo speaker ha invitato tutti i ministri a uscire dall'Aula. Tra circa 15 minuti rientreranno tutti e si disporranno nell'ala destra o sinistra dell''Aula. E' così che esprimeranno la decisione di appoggiare o meno la mozione di sfiducia. 
- di Redazione Sky TG24

Spunta l'ipotesi di un rinvio della Brexit

Alle 20 il voto della Camera dei Comuni sulla mozione di sfiducia presentata da Corbyn. Merkel e Macron tendono la mano a Londra. La cancelliera: "C'e' ancora tempo per negoziare". E la Commissione sta pensando di rinviare il divorzio fino al 2020, facendo così saltare la scadenza del 29 marzo.
- di Redazione Sky TG24

Times: la Ue lavora a rinvio Brexit fino al 2020 

L'Unione Europea sta valutando se rinviare la Brexit fino al 2020. Lo scrive il quotidiano britannico Times, dopo che Germania e Francia si sono detti pronti a allungare il negoziato considerate le difficoltà del governo di Theresa May che non è riuscita a far approvare l'accordo siglato con Bruxelles e anzi stasera deve affrontare una mozione di sfiducia al governo.

Brexit: EU ready to delay withdrawal until next year

European Union officials are examining plans to delay Brexit until 2020 after Germany and France indicated their willingness to extend withdrawal negotiations because of Britain’s political turmoil.
- di Redazione Sky TG24