Gilet gialli delusi da misure Macron: "La protesta continua"

Mondo

Le proteste continuano in tutta la Francia nonostante le misure annunciate dal presidente nel suo discorso televisivo. Previsti scioperi e manifestazioni, mentre prosegue la mobilitazione sulle rotatorie e ai pedaggi autostradali

Non ha convinto i gilet gialli (CHI SONO) il discorso televisivo del presidente francese Emmanuel Macron e l'apertura alle istanze dei manifestanti. La protesta continua in tutte le regioni, dalla Normandia alla Costa Azzurra, con blocchi e mobilitazioni. La mobilitazione delle casacche gialle sulle rotatorie e ai pedaggi autostradali è stata riconfermata in diversi dipartimenti su tutto il territorio della Francia. Una serie di scioperi è prevista nei prossimi giorni, nelle Camere di Commercio e Industria (CCI). Oggi, tra gli studenti delle scuole superiori, l'Unl ha chiesto un "martedì nero" sostenuto da "blocchi" e "occupazioni". Allo stesso tempo, i funzionari del Centro delle finanze pubbliche sono in sciopero, in vigore dal 9 al 31 dicembre. 

Discorso di Macron ascoltato dai 21 milioni di francesi

Intanto, secondo i dati di Médiametrie, sono oltre 21 milioni gli ascoltatori che ieri, 11 dicembre, si sono sintonizzati per assistere agli annunci del presidente, un record rispetto ai suoi precedenti interventi. Ma non tutti si dicono convinti e in molti dipartimenti di Francia la mobilitazione continua.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.