Trump non esclude dazi sugli iPhone importati dalla Cina

Mondo

Lo ha detto in una intervista al Wall Street Journal. Il presidente degli Stati Uniti ha previsto inoltre che i dazi aumenteranno al 25% su 200 miliardi di dollari di prodotti cinesi

Donald Trump (LA FOTOSTORIA) non ha escluso l'ipotesi di imporre dazi sugli iPhone e i laptop importati negli Stati Uniti dalla Cina. "Forse" ha detto in un'intervista al Wall Street Journal. "Dipende" dall'ammontare dei dazi, "se saranno al 10% i consumatori potrebbero sopportali" ha sottolineato Trump.

Dazi al 25%

Parlando con il quotidiano americano, Donald Trump ha previsto inoltre che gli Stati Uniti andranno avanti nell'aumentare al 25% i dazi su 200 miliardi di dollari di prodotti cinesi. Secondo il presidente è "altamente improbabile" la possibilità di accettare la richiesta cinese di non alzare i dazi. Se le trattative fra Stati Uniti e Cina – ha aggiunto Trump a quattro giorni dal G20 dove incontrerà il presidente Xi Jinping -, il tycoon intende procedere con l'imposizione di dazi sul resto delle importazioni cinesi. "Se non ci sarà accordo, imporro"' dazi dal 10% al 25% sui restanti 267 miliardi di dollari di Made in China, ha chiuso il presidente degli Stati Uniti.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.