Khashoggi, media: Arabia Saudita ammetterà la morte in interrogatorio

Mondo
arabia-saudita-getty

Secondo Cnn e Wsj, Riad è pronta ad ammettere che l’interrogatorio finito male è stato condotto da agenti traditori avrebbe dovuto portare al sequestro del giornalista dalla Turchia

Secondo la Cnn e il Wall Street Journal, il caso della scomparsa del giornalista Jamal Khashoggi è vicino a una svolta: i media statunitensi scrivono infatti che l’Arabia Saudita è pronta ad ammettere che l’uomo è stato ucciso in seguito a un interrogatorio andato male. Un interrogatorio condotto da “agenti traditori”, che avrebbe dovuto portare a un suo sequestro dalla Turchia.

“Operazione condotta senza autorizzazione e trasparenza”

La Cnn cita due fonti: una di queste afferma che le conclusioni del rapporto in via di preparazione da parte di Riad includeranno probabilmente il fatto che "l'operazione è stata condotta senza autorizzazione e trasparenza e che coloro che sono stati coinvolti saranno ritenuti responsabili".

Chi era Jama Khashoggi

Jamal Khashoggi, giornalista inviso al governo di Riad, era stato costretto all'esilio negli Stati Uniti un anno fa. Nonostante questo aveva continuato, con i suoi editoriali per il Washington Post, a denunciare la repressione politica e la censura nel Paese. Khashoggi è scomparso il 2 ottobre scorso dopo essere entrato nel consolato dell'Arabia Saudita a Istanbul; da lì, secondo quanto sostenuto dalla sua compagna, Khashoggi non sarebbe mai più uscito e – sostengono i servizi segreti turchi – sarebbe stato ucciso da una quindicina di sauditi che quello stesso giorno avrebbero fatto rientro nel loro Paese.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.