Usa, si è dimessa l'ambasciatrice all'Onu Nikki Haley

Mondo

Trump ha accettato le dimissioni, Haley lascerà a fine anno. L'ex governatrice della South Carolina ha anche annunciato che non correrà alle elezioni del 2020 e farà campagna per il presidente in carica. Il nome del successore entro 2-3 settimane: non sarà Ivanka Trump

L'ambasciatrice degli Stati Uniti all'Onu Nikki Haley si è dimessa con il benestare di Donald Trump, spiegando che lascerà "alla fine dell'anno". Haley ha annunciato che non correrà per la Casa Bianca nel 2020 e che anzi farà campagna per l'attuale presidente degli Stati Uniti. È stata "fantastica", ha detto il tycoon, che spera che Haley torni a un certo punto nella sua amministrazione. Haley, dal canto suo, ha spiegato che è stato un "onore" lavorare come ambasciatrice al Palazzo di Vetro. Il successore per il posto all'Onu, ha detto Trump, sarà nominato "nelle prossime due-tre settimane".

Trump: "Con Haley posizione all'Onu più importante e glamour"

"Nikki Haley ha fatto diventare la posizione di ambasciatore Usa all'Onu più glamour e più importante, sicuramente molto più di quanto lo fosse due anni fa", ha detto Trump. “Non ho deciso nulla su cosa farò”, ha affermato invece Haley parlando alla Casa Bianca al fianco del presidente Trump dopo l'annuncio delle sue dimissioni. Sui motivi della sua decisione ha spiegato che "non ci sono ragioni personali, ma bisogna capire quando è il momento di lasciare e consentire una rotazione" nell'amministrazione, spiegando di volersi prendere una pausa.

Il percorso verso la nomina del successore

Donald Trump ha annunciato che considererà l'ex vice consigliera per la sicurezza nazionale Dina Powell per sostituire la dimissionaria Nikki Haley come ambasciatrice Usa all'Onu. "Mia figlia Ivanka? - ha detto Trump - Sarebbe incredibile all'Onu, ma sarei accusato di nepotismo". La stessa Ivanka con un tweet ha smentito: "Non sarò io a sostituirla".

Chi è Nikki Haley

Ex governatrice della South Carolina, dopo la nomina presidenziale di Trump alla vittoria delle elezioni nel 2016, quattro giorni dopo l'insediamento del tycoon alla Casa Bianca, Haley era stata confermata dal Senato con 96 voti contro 4 per diventare la rappresentante del presidente alle Nazioni Unite. È considerata una grande sostenitrice del presidente, con cui però non sono mancate le divergenze (la scheda: chi è).

Mondo: I più letti