La Spagna rimanda in Marocco 116 migranti entrati a Ceuta

Mondo
ceuta_getty

Il gruppo era entrato nell’enclave spagnola sfondando le barriere di separazione. L'espulsione è avvenuta grazie a un accordo bilaterale firmato tra i due Paesi nel 1992. Salvini: “Se lo fa la Spagna va bene, se lo faccio io sono razzista”

Il governo socialista di Pedro Sánchez ha dato una nuova stretta alla propria politica migratoria. La polizia spagnola ha rimandato in Marocco 116 migranti provenienti da regioni sub-sahariane che erano riusciti a superare il confine di Ceuta, enclave spagnola in territorio africano.

L’accordo di 26 anni fa

Mercoledì 22 agosto, i 116 migranti avevano sfondato le barriere di separazione per poter accedere al suolo spagnolo. Secondo quanto riferito dai media, per poter procedere in maniera rapida, lo Stato avrebbe “riattivato” un accordo bilaterale con il Marocco firmato nel 1992, che prevede l'espulsione in meno di 10 giorni dei cittadini di Paesi terzi entrati illegalmente in Spagna dal Paese magrebino. Fino ad ora si era fatto ricorso all’accordo solamente in casi eccezionali. Il quotidiano El Mundo riferisce che gli avvocati che hanno fornito assistenza ai 116 migranti ora vogliono fare appello contro la decisione del governo.

Il commento di Salvini

“Se lo fa la Spagna va bene, ma se lo propongo io allora sono razzista, fascista e disumano", ha commentato, su Twitter, il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, sul caso. E ha allegato anche un video in cui si vedono alcuni migranti esultare dopo aver scavalcato delle recinzioni.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.