Crisi Usa-Turchia, Erdogan: boicottiamo prodotti elettronici americani

Mondo
Trump e Erdogan (Archivio Ansa)
trump_erdogan_ansa

Il presidente turco annuncia che Ankara potrebbe rinunciare ad acquistare beni come gli iPhone, come ritorsione all’aumento dei dazi deciso da Trump. Intanto, la Lira turca recupera terreno e i mercati europei si rialzano

Non cala la tensione diplomatica tra Stati Uniti e Turchia, dopo la crisi della Lira turca, crollata sui mercati, e l'annuncio del presidente Trump di nuovi dazi contro Ankara. Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha infatti annunciato che la Turchia boicotterà i prodotti elettronici americani, proprio come ritorsione all'aumento dei dazi deciso dall'amministrazione Trump.

“Ci sono Samsung e Vestel”

"Se loro hanno l'iPhone, altrove c'è Samsung e noi abbiamo Vestel", ha detto Erdogan in un intervento ad Ankara, evocando la possibilità di smettere di acquistare i prodotti americani, preferendo quelli dell’azienda coreana Samsung o quelli locali della Vestel.

La Lira turca recupera terreno

Nel frattempo, la Lira turca ha recuperato decisamente terreno dopo l'ennesimo minimo storico segnato il 13 agosto sul dollaro, con il cambio a 6,5665 in rialzo del 6%. Voci di mercato riportate dalla Bloomberg parlano di vendite di dollari contro Lira turca da parte degli operatori locali, e di un cambio della valuta aiutato anche da una ripresa della liquidità.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24