Dazi: da Levi's a Harley, i prodotti simbolo Usa nel mirino della Ue

Foto: GettyImages
2' di lettura

In risposta ai dazi Usa su acciaio e alluminio, la Commissione Ue ha deciso di fare partire le procedure per l'attivazione delle contromisure. A partire da luglio

A partire da luglio, dazi sull’importazione di jeans Levi's, di Harley Davidson e di burro d'arachidi dagli Stati Uniti. A pochi giorni dall’entrata in vigore delle tasse sull’import di acciaio e alluminio provenienti dall’Ue (e da Canada e Messico) stabiliti da Donald Trump, arriva la risposta dell’Unione europea. È stato quasi ultimato l'elenco di prodotti che sarà presentato all'Organizzazione mondiale del commercio (WTO): una contromisura da 2,8 miliardi di euro.

Colpiti prodotti simbolo degli Usa

Sono dunque i marchi simbolo degli Stati Uniti a essere nel mirino della controffensiva europea: un tributo del 25% su vari tipi di succo d'arancia e di mirtillo, di riso parboiled e di mais confezionato. Nell'elenco compaiono anche il bourbon, il whisky, i sigari, le sigarette e altri prodotti del tabacco. Nel settore dell'abbigliamento, oltre ai jeans, vengono colpite le magliette di cotone. I dazi Ue si applicheranno poi alle motociclette sopra i 500 cm3 di cilindrata, a imbarcazioni e yacht, motori per barche, canoe e carte da gioco (quest’ultimo è l’unico prodotto con un dazio aggiuntivo limitato al 10%). E, non da ultimi, dazi su diversi prodotti legati all'alluminio e all'acciaio. Per questo provvedimento, la Commissione europea ha dichiarato di avere il pieno appoggio di tutti e 28 gli stati membri.

“Risposta proporzionata alla decisione di Trump”

È dello scorso primo giugno il provvedimento di Trump per cui sono state introdotte tariffe del 25% sulle importazioni di acciaio e del 10% sull'alluminio per interessi di "sicurezza nazionale". "Questa è una risposta misurata e proporzionata alla decisione unilaterale e illegale di imporre tariffe sulle esportazioni europee", ha spiegato la commissaria al Commercio, Cecilia Malmstrom, assicurando che la reazione è "pienamente in linea" con le regole del Wto. "Ci dispiace che gli Stati Uniti non ci abbiano lasciato altra scelta che salvaguardare gli interessi dell'Ue", ha aggiunto Malmstrom. L'Unione ha anche presentato una denuncia al WTO: se i dazi Usa sui prodotti europei dureranno più di tre anni, si prevedono ulteriori imposte sui prodotti statunitensi per 3,6 miliardi di euro.

Leggi tutto
Prossimo articolo