Dagli Usa via a dazi su alluminio e acciaio contro Ue, Canada, Messico

3' di lettura

Finita la tregua: Trump ha deciso di non prorogare l'esenzione temporanea concessa all'Unione europea. Dalla mezzanotte del 1° giugno verranno applicate imposte del 25% sull'acciaio e del 10% sull'alluminio

Dazi doganali sulle importazioni di acciaio e alluminio da Europa, Canada e Messico a partire dalla mezzanotte del 1° giugno. È quanto deciso dagli Stati Uniti che, attraverso il segretario al commercio Usa, Wilbur Ross, ha annunciato di non voler prorogare l'esenzione temporanea concessa all'Unione europea e di applicare imposte del 25% sull'acciaio e del 10% sull'alluminio. Per Coldiretti, la scelta del presidente Trump "scatena una guerra commerciale che mette a rischio 40,5 miliardi di esportazioni Made in Italy negli Stati Uniti"; le esportazioni italiane in Usa nel 2018 sono aumentate dell'1,6% nel primo quadrimestre dopo aver raggiunto il record di 40,5 miliardi nel 2017. 

La preoccupazione europea

Duro il commento del presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani: "Sono molto deluso. Risponderemo con tutti gli strumenti disponibili per difendere i nostri interessi". "Questo è protezionismo puro e semplice", ha invece tuonato il presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker, mentre la commissaria Ue al commercio, Cecilia Malmstroem, e il ministro dell'economia giapponese, Hiroshige Seko, hanno espresso "seria preoccupazione". In una nota congiunta i due diplomatici affermano che se gli Usa imponessero dazi anche sulle auto e sui pezzi di ricambio ("non giustificati sulla base dell'argomento della sicurezza nazionale" usato da Washington, affermano), questo "causerebbe gravi turbolenze sul mercato globale e potrebbe portare alla fine del sistema commerciale multilaterale basato sulle regole del Wto". Il presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, commenta con toni duri: "Sono molto deluso dalla decisione del presidente Trump di imporre dazi sulle importazioni di acciaio e alluminio - ha scritto su Twitter – Noi siamo al fianco dei nostri lavoratori e della nostra industria europei e risponderemo con tutti gli strumenti disponibili per difendere i nostri interessi. Le tariffe commerciali unilaterali sono sempre un gioco a somma negativa".

Dazi anche per altri Paesi

Gli Stati Uniti potrebbero imporre quote o limiti alle importazioni di acciaio e alluminio anche da altri Paesi come Corea del Sud, Argentina, Australia e Brasile.

Messico annuncia contromisure

All'imposizione di dazi all'import reagisce anche il governo messicano, che ha annunciato misure equivalenti contro gli Stati Uniti. Il ministero dell'Economia ha specificato che verranno tasse all'importazione dagli Usa di una serie di prodotti, che vanno dall'acciaio alla carne suina, passando per prodotti agricoli come l'uva o i mirtilli.

Leggi tutto
Prossimo articolo

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Schermata Home"

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Home"