Maturità per oltre 500mila studenti. Dal 20 giugno e senza cellulari

La prova di Maturità del 2017 (La Presse)
2' di lettura

Il Miur ha confermato il divieto tassativo di portare smartphone e tablet in classe durante l'esame, pena l'esclusione. Misure specifiche anche sulle calcolatrici

Saranno oltre 500 mila i ragazzi impegnati quest'anno con l'esame di Maturità. La prima prova scritta, il tema di italiano, è fissata il 20 giugno. Il Miur ha confermato anche quest'anno il divieto tasativo di utilizzare tablet e cellullari, pena l'esclusione dall'esame.

Si parte con la prova di italiano

Ad oggi sono 509.307 gli iscritti alla maturità, la cifra più alta degli ultimi cinque anni. Di questi 492.698 sono candidati interni, gli altri vengono invece da percorsi didattici privatistici. Sono in tutto 25.606 le classi coinvolte, 12.865 le commissioni. La prima prova scritta, quella di italiano, sarà mercoledì 20 giugno alle 8 e 30 e durerà 6 ore. Gli alunni potranno scegliere tra diverse tracce: analisi del testo; saggio breve/articolo di giornale; tema di carattere storico e tema di attualità. La seconda prova è in calendario il 21 giugno, sempre alle 8 e 30. La durata dipende dai singoli indirizzi scolastici ed è variabile dalle quattro alle otto ore. La terza prova, assegnata da ciascuna commissione d'esame, è in calendario lunedì 25 giugno. In alcuni licei linguistici dove sono presenti progetti sperimentali di doppio diploma è prevista anche una quarta prova, programmata per giovedì 28 giugno.

Divieto tassativo di utilizzare smarthphone

Una circolare del Ministero dell’istruzione (Miur) ha confermato il divieto tassativo per maturande e maturandi, nei giorni delle prove scritte, di utilizzare cellulari, smartphone, PC e qualsiasi altra apparecchiatura elettronica in grado di accedere alla rete o riprodurre file e immagini. Non saranno ammessi nelle classi, pena l’esclusione dall’esame. La decisione, che conferma la linea dello scorso anno, arriva durante la Conferenza Nazionale dei Dirigenti Tecnici e dei componenti delle task-force regionali che gestiranno tutte le fasi della Maturità.

Limiti anche sulle calcolatrici

Vengono fornite indicazioni anche sull'uso delle calcolatrici scientifiche e grafiche nella seconda prova. Quelle ammissibili sono state rese note con una circolare di marzo e chi vorrà usarle dovrà consegnarle il giorno della prima prova scritta per consentire alla commissione d'esame i necessari controlli.

Leggi tutto
Prossimo articolo

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Schermata Home"

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Home"