Volo Malaysia Airlines scomparso nel 2014, stop alle ricerche

Ricerche aereo scomparso (GettyImages)
2' di lettura

La società Ocean Infinity, incaricata delle perlustrazioni, ha annunciato la fine della missione. Di qualche giorno fa l'ipotesi degli inquirenti secondo cui il pilota avrebbe fatto precipitare il velivolo per suicidarsi

Stop ufficiale alle ricerche dell'aereo della Malaysia Airlines scomparso l'8 marzo 2014 con 239 persone a bordo. La società privata statunitense Ocean Infinity, ingaggiata dal governo della Malesia all'inizio dell'anno, ha interrotto formalmente la perlustrazione dell'Oceano Indiano dopo due proroghe alla sua missione originaria di 90 giorni.

Le ricerche

La Ocean Infinity, riporta la Bbc online, non ha trovato nulla e il governo di Kuala Lumpur non ha alcun piano per finanziare una nuova ricerca. L’accordo con l’azienda texana prevedeva un finanziamento dell’operazione solo nel caso in cui il relitto fosse stato effettivamente individuato. Prima del tentativo della Ocean Infinity erano state impegnate nelle ricerche Australia, Malesia e Cina fino al gennaio dell'anno scorso: nel complesso è stata esplorata una superficie di 120mila chilometri quadrati del fondo dell'Oceano Indiano, grazie anche a strumenti di tecnologia avanzata, come i mini sottomarini. I ritrovamenti hanno tuttavia riguardato soltanto alcuni pezzi di alettone, ritenuti parte del Boeing 777.

Il mistero dell'aereo scomparso

Il velivolo della Malaysia Airlines scomparve l’8 marzo 2104 mentre era in volo da Kuala Lumpur a Pechino con 239 persone a bordo. Secondo le ultime ricostruzioni del team di inquirenti che indaga sul caso, il pilota avrebbe deliberatamente eluso i radar e fatto precipitare il velivolo perché voleva suicidarsi. La commissione di inchiesta sostiene che il comandante del volo MH370 avesse pianificato per tempo tutte le manovre da mettere in atto per fare sparire nel nulla il Boeing 777, spegnendo tutti gli strumenti per l'identificazione e portandolo quasi 200 chilometri fuori dalla rotta stabilita.

Leggi tutto
Prossimo articolo