Stati Uniti, non dichiara una mela alla dogana: 500 dollari di multa

Controlli in una dogana in aeroporto negli Stati Uniti (foto d'archivio: GettyImages)
2' di lettura

È capitato a una donna del Colorado che stava tornando a casa dopo un viaggio a Parigi. Il frutto le era stato dato a bordo dell'aereo e a nulla è servito mostrare agli ispettori che era sigillato: ha dovuto pagare la sanzione

La mela è pur sempre il frutto proibito. Se n’è accorta una signora americana che ha dovuto pagare 500 euro di multa per non aver dichiarato il frutto alla dogana di Minneapolis, in Minnesota.
Protagonista della vicenda è Crystal Tadlock, una signora del Colorado che stava facendo ritorno a casa dopo un viaggio a Parigi. Sul volo della compagnia aerea Delta ha ricevuto una mela come snack, ma la donna aveva deciso di consumarlo nella tratta successiva, quella verso Denver. "Non avevo fame in quel momento", ha raccontato Tadlock all’emittente locale Fox Denver. Una decisione che le è costata cara: alla dogana di Minneapolis non ha dichiarato il frutto e gli uomini dell'Ispettorato per la salute degli animali e dei vegetali del ministero dell'Agricoltura statunitense non hanno sentito ragioni. Ogni alimento importato deve essere denunciato, e non dichiarandolo si incorre in multe salate.

La multa

Crystal Tadlock ha dovuto pagare una multa di 500 dollari, e a nulla è servito fare vedere che la confezione della mela era ancora intatta e che riportava il logo della compagnia aerea. L'ispettore "mi ha chiesto se il mio viaggio in Francia era stato costoso e io ho risposto sì”, ha raccontato la donna. “In verità non ho capito perché mi stesse facendo una domanda simile e poi mi ha detto 'sta per diventare molto più caro dopo che le faccio pagare 500 dollari'".

Leggi tutto
Prossimo articolo