Catalogna, Rajoy: “Elezioni per porre fine a distruzione separatista"

Mondo
mariano_rajoy_ansa

Il premier spagnolo, per la prima volta a Barcellona dall’attivazione dell’articolo 155, dà il via alla campagna elettorale del Pp in vista del voto catalano del 21 dicembre. Ha detto di aver "esaurito tutte le strade" dopo la dichiarazione unilaterale di indipendenza

Il premier spagnolo Mariano Rajoy ha detto che le elezioni di dicembre in Catalogna aiuteranno a porre fine "alla distruzione separatista". Rajoy ha parlato da Barcellona, dove è andato in visita per la prima volta da quando Madrid ha attivato l’articolo 155 della Costituzione. Il premier ha dato il via alla campagna elettorale del suo partito, il Pp, in vista del voto catalano del 21 dicembre.

"Esaurite tutte le strade"

Rajoy ha difeso la sua linea di condotta affermando di aver "esaurito tutte le strade" dopo la dichiarazione unilaterale di indipendenza del governo catalano a ottobre. Il premier spagnolo ha invitato la "maggioranza silenziosa" a "convertire la propria voce in un voto. Dobbiamo recuperare la Catalogna dal caos del separatismo", ha aggiunto.

Ieri oltre 750mila in piazza a Barcellona

Rajoy ha convocato le nuove elezioni dopo avere deciso il commissariamento e la destituzione del governo della regione catalana. La sua visita arriva il giorno dopo la grande marcia a Barcellona: ieri circa 750mila persone, secondo la polizia municipale, sono scese in piazza nella città catalana per chiedere la liberazione dei "prigionieri politici" detenuti nelle carceri spagnole.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24